Benvenuto!

RH è il posto ideale per ogni retrogiocatore che si rispetti. Se vuoi farne parte e poter commentare gli articoli o partecipare alle discussioni del forum, registrati.

Registrati

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Quando la chip music va oltre il videogioco o "va oltre" in tutti i sensi...

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Della serie soundtrack megadriviane di qualita' "servite" nell'affascinante quanto "didattica" :-) "Oscilloscope View"...

    Wolfchild (Core Design, 1993 - Sega Genesis)

    Originariamente sviluppato per Amiga e Atari ST, questo action platform fu poi convertito per Mega Drive, Mega CD, Super Nintendo, Master System e Game Gear. Decisamente un buon titolo con tanta azione, una realizzazione tecnica di prim'ordine e un accattivante gameplay abbastanza "console-like" da farlo sembrare appunto nato su console, pur avendo appunto un origine "computeristica".

    La valida conversione per la console di Sonic è un classico esempio della tipica e rinomata competenza Core, nota etichetta britannica che già ai tempi di questo porting (1993) aveva nel suo curriculum videludae megadriviano Corporation e Chuck Rock.

    Rispetto alla versione Amiga non si ravvisano differenze particolarmente rilevanti, trattandosi piu' o meno dello stesso gioco. Manca sì l'introduzione animata, sacrificio imposto dai limiti del supporto siliceo (l'intro "torna" infatti nel porting per Mega CD), e il comparto audio risulta nel complesso leggermente meno raffinato (essenxialmente negli FX, con le musiche che, viceversa, continuano ad essere più di ottimo livello anche nella reinterpretazione prevalentemente synthrock del chip Yamaha YM2612), ma per il resto Wolfchild per Mega Drive / Genesis è pur sempre... Wolfchild... con "in 'più'" un frame rate leggermente superiore e qualche aggiunta sul fronte parallasse.

    Per gli amanti delle curiosità, la trasposizione di Wolfchild per il 16-bit Sega reca in gran parte le stesse firme degli autori dell'originale Amiga / ST, ovvero John Kirkland (programmazione), Simon Phipps (grafica) e Bob Churchill (level design). Per quanto riguarda l'audio fortunatamente graziato dall'eccellente sound engine Krisalis/Shaun Hollingworth, invece, si assiste appunto ad una staffetta tra Martin Iveson e Matt Furniss.

    Ultima modifica di AlextheLioNet; 20-04-2019, 18:24.

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Mi riallaccio idealmente a due post fa: giovedì scorso sul canale YouTube di Colby Trimble è stata pubblicata l'Oscilloscope View di quella che probabilmente è la chiptune più nota e "coverizzata" della Thunder Force IV soundtrack

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Sonic the Hedgehog - Green Hill Zone (Atari 8-bit Pokey cover di Dava Arvarabi) - Oscilloscope View



    (Mega Drive OST di Masato Nakamura)
    Ultima modifica di AlextheLioNet; 11-04-2019, 17:07.

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Colonna sonora megadriviana della domenica (e niene affatto in senso diminutivo, anzi! ) impreziosita dalla "didattica" quanto affascinante Oscilloscope View :-)

    Thunder Force IV (Technosoft, 1992 - Mega Drive) - OST di Toshiharu Yamanishi e Takeshi Yoshida

    Grazie all'"Oscilloscope View" è possibile constatare facilmente le modalità di valorizzazione dei due chip in dotazione al Mega Drive: il principale FM (Yamaha YM2612) e il secondario PSG (Texas Instruments SN76489 -"ereditato" dal Master System-).

    - YM2612 - 6 canali (generalmente tutti utilizzati; solo FM synth senza sample -PCM non usato-) - parte alta dell'oscilloscopio (N.B.: i tracciati sono mostrati a coppie per rendere gli effetti stereo);

    - SN76489 - 4 canali (da 2 a 4 utilizzati; 3 square wave + 1 rhythm -white noise-) - parte bassa dell'oscilloscopio (N.B.: i tracciati non sono "raddoppiati" come quelli del chip YM2612 dal momento che l'SN76489 e' mono).

    Come gia' specificato questa superba colonna sonora synthmetal, synthrock, synthpop, synthfunk, synthfusion e synth-movie-like e' totalmente sintetizzata. In altre parole: nessun campionamento e' stato maltrattato dal 6° canale del chip YM2612 per la realizzazione di della soundtrack



    Playlist:

    0:00:00 / Lightning Strikes Again (Opening Theme)
    0:00:32 / Tan Tan Ta Ta Ta Tan (Configuration)
    0:01:24 / Don't Go Off (Course Select)
    0:02:34 / Fighting Back (Stage 1A)
    0:08:10 / What (Stage 1B)
    0:08:53 / Evil Destroyer (Stage 1 Boss)
    0:11:20 / Space Walk (Stage 2A)
    0:14:21 / Danger!! Danger!! (Stage 2B)
    0:14:46 / Attack Sharply (Stage 2 Boss)
    0:15:54 / The Sky Line (Stage 3A)
    0:18:32 / Air Raid (Stage 3B)
    0:20:13 / Simmer Down (Stage 3 Boss)
    0:21:46 / Sand Hell (Stage 4A)
    0:23:51 / Where! (Stage 4B)
    0:24:41 / Strike Out (Stage 4 Boss)
    0:25:54 / Battle Ship (Stage 5)
    0:28:22 / Stranger (Stage 5 Boss)
    0:29:37 / Neo Weapon (Stage 5 Docking)
    0:30:36 / Great Sea Power (Stage 6)
    0:32:36 / The Breaker (Stage 6 Boss)
    0:33:58 / Sea of Flame (Stage 7)
    0:36:06 / Rancor (Stage 7 Boss)
    0:36:58 / Metal Squad (Stage 8)
    0:41:38 / Phantom (Stage 8 Boss)
    0:42:23 / Down Right Attack (Stage 9)
    0:46:15 / Recalcitrance (Stage 9 Boss)
    0:47:25 / The Danger Zone (Stage 10)
    0:49:22 / War Like Requiem (Stage 10 Boss)
    0:51:00 / Shooting Stars (Easy Ending)
    0:52:16 / Silvery Light of the Moon (Normal Ending)
    0:54:29 / Light of Silence (Hard Ending)
    0:57:22 / Love Dream (Maniac Ending)
    0:58:31 / Stand Up Against Myself (Staff Roll)
    1:00:20 / Dead End (Game Over)
    1:00:26 / Count Down (Continue)
    1:01:18 / Because You're the Number One (Name Entry Ace Ranking)
    1:02:35 / Remember of ''Knight of Legend'' (Name Entry) 1:03:50 / The Stars (Ranking)
    1:04:16 / Omake 1
    1:05:00 / Omake 2
    1:08:05 / Omake 3
    1:13:59 / Omake 4
    1:16:27 / Omake 5
    1:18:41 / Omake 6
    1:28:41 / Omake 7
    1:20:28 / Omake 8
    1:23:44 / Omake 9
    1:25:59 / Omake 10

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Per la serie chiptune megadriviane di un certo livello ... nella "didattica" Oscilloscope View, ecco a voi l'ottima BGM synth-rocchettara Flying Battery Zone (Act 2) da Sonic & Knuckles (autori della chiptune: Tatsuyuki Maeda, Tomonori Sawada, Sachio Ogawa, Masayuki Nagao e Masanori Hikichi)

    Canali utilizzati: 6 (questo brano utilizza solo il chip principale FM -Yamaha YM2612-); sound engine: SMPS Z80/mod (Sonic & Knuckles)

    Ultima modifica di AlextheLioNet; 17-03-2019, 19:10.

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Thunder Force IV - Mega Drive OST di Toshiharu Yamanishi e Takeshi Yoshida

    Di seguito un nuovo video che mostra l'utilizzo dei vari canali dei chip audio tramite la solita "didattica" quanto affascinante Oscilloscope View (il brano, "Space Walk" è particolarmente... "fusion" )



    Una precisazione: i tracciati mostrati sono 16 per evidenziare le variazioni stereofoniche DX/SX nei 6 canali del chip principale Yamaha YM2612. In sostanza i 6 canali del chip YM2612 sono rappresentati "2X", mentre quelli del chip secondario Texas Instruments SN76489 "ereditato" dal Master System, invece, sono 4 come da specifiche hardware dal momento che questo PSG è mono. Da quì il totale di 16 tracciati: 6x2 (YM2612 stereo)+4 (SN76489 mono)
    Ultima modifica di AlextheLioNet; 13-03-2019, 09:49.

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Sonic 3 (Mega Drive) - Ice Cap Zone (Act 2) nella "didattica" Oscilloscope View



    - OST di Tatsuyuki Maeda, Tomonori Sawada, Sachio Ogawa, Masayuki Nagao, Masanori Hikichi, Miyoko Takaoka, Jun Senoue, Michael Jackson, Brad Buxer, Masaru Setsumaru e Yoshiaki Kashima.

    - Sound engine: SMPS Z80/mod (Sonic & Knuckles)

    - max canali usati: 9 (entrambi i chip, principale -Yamaha YM2612- e secondario -Texas Instruments SN76489-, sono valorizzati)

    - curiosità: l'impressionante "intro" in snowboard dell'Act 1 della Ice Cap Zone è ispirato ad alcune esperienze dello stesso Sonic Team in tale pratica ("While developing, we went snowboarding a lot at a nearby resort." -Yuji Naka-).
    Ultima modifica di AlextheLioNet; 04-03-2019, 20:53.

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Battle Mania Daiginjo (VIC Tokai, 1993 - Mega Drive): il notevole seguito Japan-only di Battle Mania / Trouble Shooter

    E' uno di quei titoli che malauguratamente non hanno mai beneficiato di una distribuzione ufficiale extranipponica. Un vero peccato appunto, visto che si tratta di uno shoot'em up di primissimo ordine.

    Se avete un debole per gli shooter particolarmente "eccentrici" e molto connotati in senso "sollevantoso" , Battle Mania Daiginjo fa senz'altro al caso vostro Una volta fatti i conti con l'assenza del 2-player mode, nonostante la coppia di protagoniste visibile a partire dalla cover (di fatto la fanciulla blu-chiomata svolge la funzione di "follower" / "pod"), questa release di VIC Tokai non delude su alcun fronte: ottima grafica e sonoro, un vero e proprio fuoco di fila di idee brillanti sul piano di dinamiche e design, un'accattivante vena di simpatica bizzarria e, last but not least, uno stile vincente.

    Sul piano estetico Battle Mania Daiginjo colpisce per l'utilizzo dei colori vagamente "à la PC Engine" associato al dettaglio e alla definizione più tipica dei titoli Mega Drive (visibile in particolar modo in certi stage -vedi il 3°-) e ad un ampio utilizzo della parallasse multi-strato.
    Interessanti poi determinati effetti prospettici, alcune pseudo rotazioni multi-sprite e persino una scaltra distorsione del background in scorrimento atta a dare l'idea della parete di un tunnel in rotazione (effetto non dissimile a quello mostrato in una sezione di Castlevania IV -Super Nintendo- con la "complicità" del Mode 7). Più banalmente colpisce il numero piuttosto generoso di sprite a video e il ritmo molto serrato dell'azione :-)

    Il fronte sonoro richiama in mente un termine di paragone particolarmente impegnativo in ambito Mega Drive: Thunder Force IV. Il motivo di questo accostamente è nell'ampio utilizzo di chitarre distorte sintetizzate, "strumento" che rivaleggia nella resa con il corrispettivo messo in campo dai maestri Technosoft.
    L'energetica, grintosa eppure orecchiabilissima soundtrack di Battle Mania Daiginjo è difatti un brillante saggio di hard rock / metal in FM synthesis con solida drum channel campionata, articolandosi in una nutrita serie di brani di ottimo livello con punte di eccellenza che, se non arrivano ad insidiare il primato qualitativo di TF IV, non si collocano certo a grande distanza dalla "music section" di questo capolavoro del genere shoot'em up.

    Provate a dare un'occhiata e un'ascolto a questa Oscilloscope View della soundtrack di Shigenori Masuko, Yoko Suzuki e Fumito Tamayama

    ( peccato che al di là della soluzione Mega Everdrive o repro... )



    Tracks:

    00:00 / Open Mind
    00:43 / Burning Heart
    01:45 / Mighty Gals 2
    02:27 / Pick Me Up, Boy!
    02:59 / Twilight Express
    03:49 / Approaching
    04:15 / Great Job!
    04:25 / Curry and Rice
    05:08 / Blue Sky Laundry
    06:02 / Creeping Thing
    06:58 / Typhoone Vol. 1
    07:24 / Typhoone Vol. 2
    07:45 / Typhoone Vol. 3
    08:12 / Jakyou
    08:17 / Navigators
    08:40 / Shrine
    09:54 / On The Air
    10:50 / Seven Eleven
    10:54 / Dancing Hunter
    11:29 / My Kingdom
    12:34 / Private Eye
    13:28 / Ha Na Mi Chi
    13:48 / Lunatic Monkey
    14:14 / Iron Casanova
    15:16 / Hachimaki Please
    16:00 / Brawing Up
    17:01 / Kikokusai
    17:19 / Smoking Head
    18:11 / Tell Me Why
    18:47 / Ma Ha Ra Ja
    19:18 / Very Great Job!
    19:28 / Sun Rise Purple
    21:02 / All Over Tonight
    21:20 / Deposit Coins

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Chiptune megadrivana della sera: Alien 3 - Intro & Title Theme di Matt Furniss - Oscilloscope View

    Il tie-in sviluppato nel 1992 da Probe Software anche per il 16-bit Sega è indubbiamente un buon titolo ma raggiunge a mio avviso l'optimum solo nella formidabile soundtrack synthrock / action movie-like firmata appunto da Matt Furniss e realizzata tramite il rinomato sound engine Krisalis/Shaun Hollingworth. Si tratta senz'altro di una delle migliori prove di questo attivissimo quanto talentuoso musicista videoludico relativamente alla sua ampia e giustamente apprezzata produzione per la console di Sonic

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    A causa de "Lo strano percorso / di ognuno di noi" (parafrasando Max Pezzali ) determinati titoli lasciano un ricordo indelebile anche a prescindere da particolari meriti qualitativi. Può magari succedere quando questi vg sono stati il n° 1 della vostra ludoteca, il primo gioco che avete visto girare sulla vostra console... ed è solo uno dei casi per cui "vi rimane impresso"

    Nel mio caso l'esordio del Mega Drive (NTSC Jap) in casa mia è stato monopolizzato dal un vertical shooter datato 1991 e firmato Asmik. Si tratta di Verytex, sparatutto usato-ma-praticamente-nuovo vendutomi insieme al Mega Drive altrettanto usato-ma-praticamente-nuovo 27 anni fa.

    Per dirla fuori dai denti, questo titolo non ha grandi pregi sul piano visivo, ludico e in ordine alla longevità. Indubbiamente è veloce e fluido e offre al giocatore un accattivante finestra di gioco non delimitata da status bar laterali e sezioni anche molto rapide in piacevole parallasse, anche multistrato. Peccato però che l'estetica sia poco colorata, povera se non scarna per dettaglio, che si debba affrontare solo 6 livelli :-( e che il livello di difficoltà risulti davvero troppo mite e purtroppo unico.

    Già, Vertytex è visivamente poco appagante e scarsamente longevo. E allora perchè mi è rimasto così impresso?

    Beh... un po' perchè appunto è stato il primo su Mega Drive e per qualche settimana anche l'unico.
    Poi perchè ho sempre adorato il genere e ai tempi ero tendenzialmente più fedele al "Sano casino organizzato shootemupparo".
    C'è infine da tenere conto che ai tempi la mia "console", o meglio il sistema che ne aveva svolto le veci, era un Atari 1040 STFM e dunque poter giocare finalmente in full screen a 60 Hz con la velocità e la fluidità di un coin-op era già un enorme passo avanti.

    Infine incideva non poco, anche in conseguenza del fatto che gli ST montano chip audio molto simili a quelli di Spectrum 128 e Amstrad CPC , il comparto audio del titolo Asmik, di gran lunga l'aspetto più riuscito dell'intera produzione.
    La notevole soundtrack di Hitoshi Sakimoto (il sound engine usato -Terpsichorean- reca la sua firma), Masaharu Iwata e Yoshio Furukawa è infatti di un livello qualitativo nettamente superiore a quello espresso sul fronte grafico, vuoi dal punto di vista compositivo, vuoi sul lato prettamente tecnico, ovvero per quanto riguarda la raffinatezza della sintesi FM (Frequency Modulation synthesis -N.B.: in Verytex l'audio è totalmente sintetizzato, non essendo stati usati sample nemmeno per la base ritmica delle chiptune-)

    Provare per credere...

    Di seguito la bellissima chiptune del primo stege, ovvero Act 1: The Void of Space, nella "didattica" oscilloscope view (canali utilizzati: i 6 del chip principale Yamaha YM2612 -in questo caso il chip secondario Texas Instruments SN76489 non entra in gioco-)

    Ultima modifica di AlextheLioNet; 23-02-2019, 19:47.

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Mickey Mania: The Timeless Adventures of Mickey Mouse (Sony Imagesoft / Sega / Traveller's Tales, 1994 - Mega Drive) - la notevole colonna sonora firmata da Matt Furniss, Andy Blythe e Marten Joustra (sound engine: Krisalis/Shaun Hollingworth; chip audio utilizzato: principale -Yamaha YM2612-) nella "didattica" Oscilloscope View

    Ultima modifica di AlextheLioNet; 20-02-2019, 16:46.

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Musica videoludica di un certo livello della serata... nella didattica "vista oscilloscopio"

    Lo spettacolare run 'n' gun Alien Soldier (Treasure / Sega, 1995 - Mega Drive) mostra nella schermata del titolo la frase "VISUALSHOCK! SPEEDSHOCK! SOUNDSHOCK! NOW IS THE TIME TO THE 68000 HEART ON FIRE!".

    Ebbene, se questa catchphrase è pienamente giustificata sul piano visivo e per quanto riguarda la velocità e la frenesia dell'azione, non risponde pienamente al vero sul fronte sonoro. Intendiamoci: il comparto audio di Alien Soldier è ampiamente sopra la media megadriviana (in particolar modo in FX campionati e sample vocali)... ma a mio avviso tra i titoli Treasure risulta meno "SOUNDSHOCK!" di Dynamite Headdy e si fa superare sul piano dell'orecchiabilità anche da Gunstar Heroes. Voi che ne dite?

    Per dare a Cesare quel che è di Cesare è bene precisare che la soundtrack di Alien Soldier vanta comunque diversi brani di qualità, come l'adrenalinica "Runner/AD2025"

    Autore: Norio Hanzawa (Sound Programmer: M. Yaida)
    Sound engine: SMPS 68k/Treasure
    Canali utilizzati: 9 (6 chip principale FM -Yamaha YM2612- e 3 chip secondario PSG -Texas Instruments SN76489-)

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Out Run - Passing Breeze di HiroshiHiroKawaguchi - Mega Drive Arrange di Maro Suzuki



    Maro Suzuki: "This is not a megadrive game version of 1991.

    This music is playing on DefleMask using SEGA Genesis sound system.

    You can hear multi PCM drums, but these are played 1PCM channel. I prepared a lot of drum pattern samples. (cymbal + kick, tom + snare, cowbell + kick, etc)

    FM1 main melody
    FM2 main melody
    FM3 bass
    FM4 chord
    FM5 chord
    PCM drums, cowbell
    DCSG1 chord
    DCSG2 chord
    DCSG3 unused (for noise frequency)
    NOISE hi-hat
    "

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Kid Chameleon - Ice / Title Theme (Sega Genesis Remix - P. H. G. F.: "My SEGA Mega Drive YM2612 remix of the Kid Chameleon Theme. Made with VGM Music Maker"; autore OST: Mark Miller -)

    Lascia un commento:


  • AlextheLioNet
    ha risposto
    Sonic the Hedgehog 3 (Sega / Sonic Team, 1994 - Mega Drive) - la colonna sonora di Tatsuyuki Maeda, Tomonori Sawada, Sachio Ogawa, Masayuki Nagao, Masanori Hikichi, Miyoko Takaoka, Jun Senoue, Michael Jackson, Brad Buxer, Masaru Setsumaru e Yoshiaki Kashima nella "didattica" Oscilloscope View

    (N.B.: i canali in colore bianco sono quelli del chip principale FM Yamaha YM2612; i canali in verde mostrano l'utilizzo del chip secondario PSG -"ereditato dal Master System"- Texas Instruments SN76489)

    Ultima modifica di AlextheLioNet; 06-02-2019, 19:54.

    Lascia un commento:

Sto operando...
X