Benvenuto!

RH è il posto ideale per ogni retrogiocatore che si rispetti. Se vuoi farne parte e poter commentare gli articoli o partecipare alle discussioni del forum, registrati.

Registrati

Quella passione chiamata “retrogaming”

Quella passione chiamata “retrogaming”

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Quella passione chiamata “retrogaming”

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   ed1.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 15.9 KB 
ID: 245626Spesso ci si trova di fronte a termini dei quali solo parzialmente si conosce il significato. Eppure la non completa comprensione della parola non ci impedisce talvolta di usarla pavoneggiandoci davanti amici, parenti o addirittura ad esperti, andando conseguentemente incontro a figuracce. E’ quello che accade oggi con la parola “retrogaming”. Introdotto solo da qualche anno questo termine sta ad indicare l’interesse di un amante di giochi per tutto ciò che negli anni passati ha significato per lui intrattenimento. Ma nel nostro caso tale interpretazione risulta essere riduttiva. Infatti noi retrogamer amiamo esclusivamente il divertimento elettronico, sia datato che moderno, ma nella sua più completa forma ed espressione. Ogni vero innamorato di videogame è capace di apprezzare sia la miriade di poligoni che danno vita alle attuali esperienze videoludiche, che i pixel che costituivano i protagonisti di tante avventure vissute nelle sale giochi delle nostre città. Talvolta tale passione, che travalica i confini temporali, può essere oggetto di vivaci dibattiti e discussioni. In effetti, proporre a molti dei giocatori attuali di cimentarsi a Toki o a Dig Dug, vorrebbe dire essere sbeffeggiati ed etichettati come persone antiquate bisognose di corsi di aggiornamento in informatica. Ovviamente non è così. E’ facile apprezzare suoni in Dolby Surround 5.1 e luci accecanti, ma la nostra generazione è cresciuta a base di sfide esaltanti, spesso frustranti, ma comunque molto divertenti. Non c’erano le visuali prospettiche e tridimensionali, gli enigmi cervellotici, le trame complesse e le sequenze filmate, ma c’era il divertimento. Ma lungi dal considerare gli attuali giochi non appassionanti, chi vi scrive passa ancora ore davanti ai vari pes o burnout. Ma ciò che lega noi retrogamer al passato è sicuramente la nostalgia per esso. Nostalgia per i pomeriggi piovosi passati, dopo aver fatto i compiti (…che bugiardo che sono), davanti ad un cabinato di legno che proiettava luci, colori, sogni. Lo stesso cabinato che molti di noi oggi cercano di realizzare ed utilizzare, mediante il riciclaggio di cpu ormai obsoleti, come un universale emulatore da esporre orgogliosi, come un preziosissimo pezzo di antiquariato, nel salotto di casa propria. Si arrivava, si cambiavano 1000 lire ricevendo in cambio 20 (!!!) monete da 50, si giocava o si stava con il braccio appoggiato su queste diavolerie tecnologiche a vedere gli altri sfidarsi in battaglie avvincenti. Talvolta era necessario l’aiuto di un amico, del padre, quando si era troppo piccoli per poter sparare oltre ai missili anche bombe ed azionare gli scudi. E quando era impossibile finire il gioco uccidendo il “mostro finale” con le solite “tre palle”, ci veniva in soccorso il docente, l’esperto, il topo da sala giochi che conosceva il trucco, tutti i movimenti dell’intelligenza artificiale, e riusciva a farti passare al livello successivo senza grandi esborsi di denaro. Ora questi ricordi sono rinverditi grazie a siti come questo, alla scoperta di vecchie copie di riviste specializzate dell’epoca, mediante le sempre più numerose compilation di retrogame che sono oggi in commercio e che girano sulle varie ps2, xbox ecc... Purtroppo spesso i ricordi restano tali e non possono essere riportati in vita, ma fortunatamente nel nostro caso ciò è possibile. Noi retrogamer possiamo tornare indietro nel tempo con quella particolare macchina chiamata videogame e giocare ancora saltando su di uno skateboard cercando di far schiudere delle uova dal contenuto misterioso (wonderboy), uccidendo zombie e salvando la nostra amata (ghost’n’goblin), viaggiando su degli arcobaleni (rainbow island). Ma guai a dirci che siamo delle persone immature. L’eterno fanciullino è presente in ciascuno di noi con la differenza che noi lo utilizziamo solo per trascorrere ancora tanti pomeriggi all’insegna del divertimento e della spensieratezza, in un contesto sociale caratterizzato dallo stress, dalla frenesia della vita quotidiana e dalle brutture di un mondo costituito sempre più da persone che si rifiutano di tornare una volta tanto bambini.

    Gianluca Mazzotta

    • Robbey
      #1
      Robbey ha commentato
      Modifica di un commento
      Adoro il retrogaming per capire come era il divertimento del passato, giochi creati con molta cura, console dure e resistenti e sopratutto voglia di riavere dodici anni nella mia testa

    • Super Fabio Bros
      #2
      Super Fabio Bros ha commentato
      Modifica di un commento
      Uno dei primissimi articoli pubblicati su RH, quando ancora mancava l'H!
    L'invio di commenti è disabilitato per i non registrati.

ULTIMI ARTICOLI

Comprimi

  • Fantasyland
    Una piccola introduzione
    Allora, chiariamo le cose subito. *si accende una sigaretta*
    Dunque, non vorrei essere cattivo considerando il gioco che sto per recensire, ma purtroppo non credo potrò evitarlo. Cercherò di trovare qualcosa di salvabile,...
    06-02-2021, 11:20
  • Biomechanical Toy
    Introduzione
    Spagna.
    Una terra non molto rinomata a livello videoludico, almeno in tempi recenti, ma culla in passato di tantissimi team di sviluppo che dettero alla luce molti titoli più o meno riusciti su diverse piattaforme, sia casalinghe...
    19-01-2021, 12:45
  • Harley-Davidson & L.A. Riders
    Prima che arrivassero i vari racing arcade alla Crazy Taxi e Eighteen (18) Wheeler: American Pro Trucker, il team AM1 di Sega sviluppò Harley-Davidson & L.A. Riders, per celebrare i 95 anni (1903-1998) della storica società motociclistica, quello...
    10-08-2021, 16:54
  • International Soccer
    Ma noi lo chiamavamo Calcio Replay ( hack di un certo Roberto Negro che aveva varie aggiunte tra le quali e soprattutto di visualizzare il replay delle azioni; roba dell'altro mondo), granitico titolo che rimanda a metà anni 80 a casa di mio cugino...
    16-04-2021, 21:05
  • Super Mario World
    Dopo aver salvato Mushroom Kingdom dal malvagio Bowser in Super Mario 3, Mario e Luigi decidono che non ci stava male una bella vacanza insieme alla principessa Peach e decidono che Dinosaur Land e le sue magiche spiagge sarebbe stato il posto più che...
    10-04-2021, 18:34
  • Wonder Boy: Asha in Monster World
    La serie WonderBoy/Monster World ha da sempre uno spazio nel cuoricino di ogni retrogiocatore che si rispetti. Lo sa bene chi dal retrogaming ci vuole tirare su pure un po’ di grana. E così, che nel 2017, Lizarcube ti tira fuori il remake in grafica...
    15-06-2021, 22:35
  • Within the Blade
    I ninja e i videogiochi hanno generato una serie di mitici titoli entrati di diritto nella cultura pop del gamer degli anni 80/90: chi non conosce Shinobi di SEGA, per non parlare del bellissimo The Last Ninja di System 3 o del sottovalutato Tenchu,...
    30-07-2021, 17:47

ULTIMI COMMENTI

Comprimi

Sto operando...
X