Benvenuto!

RH Ŕ il posto ideale per ogni retrogiocatore che si rispetti. Se vuoi farne parte e poter commentare gli articoli o partecipare alle discussioni del forum, registrati.

Registrati

Biomechanical Toy

Biomechanical Toy

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Biomechanical Toy

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   bio.jpg  Visite: 0  Dimensione: 65.9 KB  ID: 283217Introduzione
    Spagna.
    Una terra non molto rinomata a livello videoludico, almeno in tempi recenti, ma culla in passato di tantissimi team di sviluppo che dettero alla luce molti titoli pi¨ o meno riusciti su diverse piattaforme, sia casalinghe che arcade.
    E parlando di arcade qualcuno di voi forse conoscerÓ la Gaelco, celebre sviluppatore spagnolo di giochi arcade tra cui i famosi World Rally: Championship e World Rally 2: Twin Racing.
    Ma oggi no signori! Non parleremo di questi due giochi. E non parleremo nemmeno in dettaglio della Gaelco, che in questo caso farÓ solo da personaggio aiutante per la nostra storia. E il protagonista di questa piccola ma interessante storia altri non Ŕ che Biomechanical Toy! Uno sparatutto a scorrimento orizzontale prodotto dalla piccola casa videoludica Zeus Software e distribuito sul mercato dalla Gaelco.

    Toy Story on steroids fabricado en Espa˝a
    Avete presente Toy Story, il film ambientato in un mondo dove i giocattoli avevano vita propria? Ecco, prendete solo la premessa del film, ovvero un mondo di giocattoli viventi, e bruciate tutto il resto della pellicola. Sostituite il tutto con una trama dove un supercattivo di nome Scrubby ruba da un orologio a cuc¨ vivente un magico pendolo in grado di garantire la vita ai giocattoli. Rimuovete Buzz Lightyear e sostituite il cowboy Woody con una sorta di Steven Seagal a dimensioni ridotte con tanto di ponytail e grilletto facile di nome Inguz. Fatto?
    Mischiate il tutto con un gameplay frenetico, grafica uscita dagli anni ruggenti dell’Amiga, musiche rockeggianti ed effetti sonori di gran mordente e schiaffate il tutto sulla scheda PCB. Infine mettete nel cabinato e lasciate riposare a temperatura ambiente. Fatto?
    Bene, avete ottenuto Biomechanical Toy! E dopo questa breve sintesi direi quindi di passare pi¨ nei dettagli.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   Intro1_1.png  Visite: 0  Dimensione: 14.0 KB  ID: 283218Un' escalation di violenza nel mondo dei giocattoli
    Una trama semplice ma resa efficacemente ci mostra fin dall'inizio dell'attract mode qual Ŕ la storia del gioco. In un mondo (trattasi in realtÓ di una casa) dove i giocattoli hanno il dono della vita grazie ad un magico pendolo tenuto da un orologio a cuc¨ chiamato Relik, la vita scorre felice. Ma qualcosa, o qualcuno ha intenzione di interrompere tutto ci˛. Un'edizione straordinaria di Toy News ci fa capire chi Ŕ costui. Scrubby, un pericoloso criminale finito in prigione dopo aver tentato di rubare il magico pendolo Ŕ riuscito ad evadere e ha giurato di volerlo rubare di nuovo.
    E stavolta purtroppo ci riuscirÓ. Rubato il pendolo all'indifeso Relik, Scrubby ne userÓ i poteri per creare un'armata di giocattoli malvagi e catturare i giocattoli buoni. Solo una persona, o in questo caso un giocattolo, pu˛ fermare tutto ci˛. Inguz! Ovvero il nostro eroe in miniatura incaricato da Relik di recuperare il magico pendolo prima che il mondo dei giocattoli sparisca a causa della mancanza di esso.
    Vestiremo quindi i suoi panni in una rocambolesca avventura di sei livelli a scorrimento orizzontale, salvando i giocattoli catturati e sparando a tutto ci˛ che si muove, fino al raggiungimento ad ogni livello dell'inevitabile boss finale che dovremmo crivellare di colpi.
    Inizialmente Inguz sarÓ armato di una semplice pistola semiautomatica a munizioni illimitate, ma questa potrÓ essere potenziata grazie alle munizioni, ovviamente limitate, trovabili all'interno di casse sparse in giro nei livelli. Quelle pi¨ comuni trasformeranno la pistola in una mitraglietta, mentre le pi¨ rare le conferiranno proiettili esplosivi.
    Un altro potenziamento molto utile alla nostra carneficina, o dovremmo dire plastificina, sarÓ "La ira de Inguz". Quando questa verrÓ usata, il suddetto emetterÓ un urlo disumano e appariranno aquile di fuoco che distruggeranno tutti i nemici sullo schermo. Molto utile quindi in caso di orde di nemici troppo grosse.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.├é┬á  Nome:   InizioPartita.png├é┬á Visite: 0├é┬á Dimensione: 65.6 KB├é┬á ID: 283219Ma in generale l'abuso di questo potenziamento non sarÓ frequente, nemmeno per il giocatore pi¨ inesperto. Biomechanical Toy si rivela un titolo dalla difficoltÓ ben bilanciata ma leggermente tendente al medio-basso. Oltretutto la presenza massiccia di munizioni trovabili in giro e l'impossibilitÓ di perderle quando perderete una vita fa in modo che l'arsenale sia sempre bello potente. Insomma non rimarrete mai a secco di piombo.
    Ad una difficoltÓ medio-bassa per˛ non corrisponde una giocabilitÓ tale e quale, ma anzi ci ritroviamo davanti un titolo con una giocabilitÓ dannatamente ben fatta.
    Comandi fluidi e ben architettati renderanno la rocambolesca azione e l'esperienza di gioco molto piacevoli anche durante le orde di nemici pi¨ numerose. La struttura dei livelli, mai lasciata al caso ed estremamente variegata anche con sfaccettature di platform a scorrimento verticale Ŕ un piccolo fiore all'occhiello della casa ispanica. Un piccolo capolavoro di architettura barocca, lontano anni luce dai brutalismi ed ecomostri di case videoludiche come la LJN, colpevoli di essersi macchiate delle peggio porcate videoludiche sotto ogni punto di vista.

    Un look Amighevole
    Clicca sull'immagine per ingrandirla.├é┬á  Nome:   0012.png├é┬á Visite: 0├é┬á Dimensione: 65.0 KB├é┬á ID: 283220La bellezza del gioco ovviamente non si limita solo ad una giocabilitÓ fluida e ben strutturata, ma viene ulteriormente abbellita da un'ottima grafica che ricorda molto certi titoli usciti verso la fine del ciclo vitale dell'Amiga, negli ultimi anni in cui gli sviluppatori spingevano potentemente verso i pi¨ alti livelli di grafica e sonoro. E Biomechanical Toy sembra dal punto di vista grafico qualcosa del genere.
    Sprites di ottima fattura, abilmente animati e ben caratterizzati fanno una perfetta fusione con le ambientazioni, sia in primo piano sia negli sfondi, disegnate eccelsamente e rese in maniera molto caratteristica per ogni livello.
    Sagome di Saloon posizionate su ricurvi terreni a scacchiera disseminati di freccette faranno da caratteristica principale del livello "Crazy West".
    Ma personalmente uno dei miei livelli preferiti a livello di caratterizzazione Ŕ forse "Train to Hell", un frenetico livello dove il protagonista dovrÓ fermare un treno giocattolo impazzito viaggiante sui binari.

    Di per sÚ non Ŕ uno dei livelli maggiormente dettagliati, ma ammetto che l'idea di fare come sfondo un paesaggio di montagna dipinto palesemente sul cartone, come fosse uno sfondo a scorrimento usato nei vecchi films Ŕ stata una scelta a mio dire, ottima.
    E questi, signori miei sono solo alcuni dei livelli. Vorrei descriverli tutti, ma mi dilungherei troppo e non passerei a quello che secondo me Ŕ in parte il punto debole del gioco, la musica.

    To live and let die in B.T.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla.├é┬á  Nome:   0033.png├é┬á Visite: 0├é┬á Dimensione: 56.5 KB├é┬á ID: 283221Inizialmente ho detto che Biomechanical Toy ha brani rockeggianti che ben si prestano per il gioco. Ed Ŕ effettivamente cosý, ma c'Ŕ un problema! Non sono brani originali. Vi far˛ un piccolo esempio.
    Nel livello "Train to hell" abbiamo un brano perfettamente azzeccato per l'ambientazione, ma altro non Ŕ che un pezzo di City Of Angels. Un brano composto dai Wang Chung per il film To live and let die in L.A.
    Altri esempi includono Chaos on the Tarmac, composta da Stanley Clarke per il film Passenger 57 e usata qui come tema per la battaglia contro i boss, o anche Guns And People di Eric Serra, composta per il film Subway e usata qui come tema di missione compiuta.
    In poche parole, i nostri cari sviluppatori della Zeus hanno fatto un po' di compere nel reparto dischi e precisamente nella sezione "Film Scores" e hanno deciso di fare un po' di taglia, incolla e manda in loop dei diversi brani. Oltretutto abbassati di bitrate per ovvie limitazioni tecniche dell'epoca.
    Il risultato di per sÚ non Ŕ brutto. I brani sono stati tagliati e messi in loop in maniera ottima e sinceramente si abbinano molto bene con la frenesia del gioco, ma sinceramente una cosa del genere sa molto di amatoriale. Lascia pensare che gli sviluppatori non avessero tra le loro file compositori decenti, cosa molto improbabile vista l'ottima qualitÓ del gioco.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.├é┬á  Nome:   TrainToHell.png├é┬á Visite: 0├é┬á Dimensione: 51.1 KB├é┬á ID: 283222Purtroppo non sapremo mai cosa sia saltato in testa a costoro per fare una cosa del genere, ma tirando le somme Ŕ stata controproducente.
    Stessa cosa si pu˛ dire per i suoni. Suoni oltretutto di un certo mordente, ma per quanto buoni siano, altro non sono che suoni stock trovabili in giro in diverse compilation dell'epoca e abbassati anch'essi di bitrate.
    Credo che il giudizio finale sul comparto audio si possa sintetizzare in un commento trovato in un gameplay di questo gioco:
    "Non ho mai visto un gioco che si sforzi cosý tanto con gli sprites e l'artwork ma cosý poco con la musica e gli effetti sonori. ╚ un buon esempio di quanto il suono possa influenzare la presentazione generale di un gioco."
    Mai commento fu pi¨ azzeccato sinceramente. Ed Ŕ veramente brutto constatare come un gioco che poteva essere un piccolo capolavoro Ŕ stato purtroppo sporcato da una gestione del comparto audio piuttosto amatoriale.

    COMMENTO FINALE


    "Sebbene sporcato da un'amatoriale gestione del comparto audio dovuta a strane scelte da parte della Zeus, Biomechanical Toy si rivela un piccolo capolavoro sotto tutti gli altri punti di vista. Ottima giocabilitÓ, azione frenetica e grafica ad ottimi livelli rendono questo sparatutto a scorrimento orizzontale fabricado en espa˝a un must play per gli appassionati del genere."



    a cura di SavageKurtain

    • AlextheLioNet
      #1
      AlextheLioNet ha commentato
      Modifica di un commento
      Bellissima recensione e coin-op davvero affascinante, arcade molto particolare forse realizzato troppo tardi per riscuotere un rilevante successo, visto che in linea di massima a metÓ degli anni '90 in sala giochi i generi di grande richiamo erano altri. In effetti molto a grandi linee potrebbe essere anche descritto come una sorta di lontano cugino ispanico di Midnight Wanderers - Quest for the Chariot (Capcom, 1991) Gli autori, Zeus Software, erano e sono conosciuti in ambito di home gaming per l'action-platform Risky Woods, titolo uscito nel 1992 per Amiga, Atari ST, PC MS-DOS e Mega Drive (relativamente alla versione per il 16-bit Sega in Giappone venne rilasciato nel 1993 con il titolo Jashin Draxos).

    • Phemto
      #2
      Phemto ha commentato
      Modifica di un commento
      antico e gustoso coin op.nei tardi anni '90 spesso andavo con alcuni amici ad Ibiza...e -tra le tante cose da fare- una capatina in qualche sala giochi era da rito.lo ricordo questo titolo, cosý naif e cosý colorato.
      bei tempi spensierati furono..
    L'invio di commenti Ŕ disabilitato per i non registrati.

ULTIMI ARTICOLI

Comprimi

  • Fantasyland
    Una piccola introduzione
    Allora, chiariamo le cose subito. *si accende una sigaretta*
    Dunque, non vorrei essere cattivo considerando il gioco che sto per recensire, ma purtroppo non credo potr˛ evitarlo. Cercher˛ di trovare qualcosa di salvabile,...
    06-02-2021, 10:20
  • Biomechanical Toy
    Introduzione
    Spagna.
    Una terra non molto rinomata a livello videoludico, almeno in tempi recenti, ma culla in passato di tantissimi team di sviluppo che dettero alla luce molti titoli pi¨ o meno riusciti su diverse piattaforme, sia casalinghe...
    19-01-2021, 11:45
  • International Soccer
    Ma noi lo chiamavamo Calcio Replay ( hack di un certo Roberto Negro che aveva varie aggiunte tra le quali e soprattutto di visualizzare il replay delle azioni; roba dell'altro mondo), granitico titolo che rimanda a metÓ anni 80 a casa di mio cugino...
    16-04-2021, 20:05
  • Super Mario World
    Dopo aver salvato Mushroom Kingdom dal malvagio Bowser in Super Mario 3, Mario e Luigi decidono che non ci stava male una bella vacanza insieme alla principessa Peach e decidono che Dinosaur Land e le sue magiche spiagge sarebbe stato il posto pi¨ che...
    10-04-2021, 17:34
  • Wonder Boy: Asha in Monster World
    La serie WonderBoy/Monster World ha da sempre uno spazio nel cuoricino di ogni retrogiocatore che si rispetti. Lo sa bene chi dal retrogaming ci vuole tirare su pure un po’ di grana. E cosý, che nel 2017, Lizarcube ti tira fuori il remake in grafica...
    15-06-2021, 21:35
  • Within the Blade
    I ninja e i videogiochi hanno generato una serie di mitici titoli entrati di diritto nella cultura pop del gamer degli anni 80/90: chi non conosce Shinobi di SEGA, per non parlare del bellissimo The Last Ninja di System 3 o del sottovalutato Tenchu,...
    30-07-2021, 16:47

ULTIMI COMMENTI

Comprimi

Sto operando...
X