Benvenuto!

RH il posto ideale per ogni retrogiocatore che si rispetti. Se vuoi farne parte e poter commentare gli articoli o partecipare alle discussioni del forum, registrati.

Registrati

Indiana Jones and the Fate of Atlantis - Amiga

Indiana Jones and the Fate of Atlantis - Amiga

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Indiana Jones and the Fate of Atlantis

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃà  Nome:   147863-indiana-jones-and-the-fate-of-atlantis-dos-front-cover.jpgÃÃà Visite: 0ÃÃà Dimensione: 61.5 KBÃÃà ID: 285570“L'archeologia si dedica alla ricerca dei fatti. Non della verit.”
    Correva l'anno 1981 quando un nuovo eroe iniziava a calcare i cinema di tutto il mondo: l'archeologo avventuriero pi famoso del pianeta, il professore Henry Jones, Jr., meglio noto come Indiana Jones.
    Archeologo di fama mondiale, spavaldo, ironico, arguto e sicuro di s, e amante delle belle donne tanto quanto degli antichi misteri delle civilt perdute; il suo look diventato iconico, con la sua giacca di pelle, il suo fedora e l'immancabile frusta e le sue avventure ci hanno accompagnato per anni considerando i 4 3 film e una serie televisiva e qualche immancabile escursione nel mondo videoludico.
    Ma cominciamo dal principio.
    Flashback agli anni '70. George Lucas era ancora un giovane cineasta in cerca di idee e di ispirazione e non ancora il pap di Star Wars e di Indy che tutti noi oggi conosciamo e, nel suo vagare tra progetti e idee, ispirato dai classici romanzi avventurosi, dai fumetti, e dai film di azione e avventura degli anni 40, inizio a farsi strada nella sua testa l'idea di un film su un avventuriero rude ma dal cuore d'oro diviso tra due identit: quella di mite professore universitario e quella di spericolato esploratore a caccia di antichi misteri o di civilt perdute.
    Dai romanzi l’ispirazione che viene presa riguardano il viaggio, l’avventura, il senso del mistero, le lotte o le fughe rocambolesche, la caccia a antichi tesori affrontando enigmi rimasti irrisolti per secoli battendo sul tempo altri impegnati nella stessa caccia, mentre dai film l’ispirazione un’altra icona del grande schermo: James Bond, portato su grande schermo da Sean Connery, l’iconico agente segreto britannico con la sua sagacia, la sua ironia, il suo carisma, il suo stile sornione da donnaiolo impenitente e la sua capacit di uscire anche dalle situazioni pi pericolose e complicate... e infine come ultima ispirazione dicevamo anche il mondo dei fumetti perch si anche da quello George Lucas estrasse un elemento importante, ossia il tema della doppia vita dei personaggi e della dualit tra una persona comune e tranquilla e il suo alter ego eroico e avventuroso.

    Passano gli anni e con l'aiuto degli amici Steven Spielberg e Philip Kaufman la sceneggiatura si va via delineando portando quello che era essenzialmente un B-movie incentrato sulla storia di un professore di archeologia che viaggiava per il mondo alla ricerca di manufatti antichi e rarissimi, verso una trama pi matura che vede coinvolta la mitologica Arca dell'Alleanza (lo scrigno che, secondo la Bibbia, conteneva le tavole dei Dieci comandamenti) oltre che la minaccia dei nazisti che per gli storicamente noti interessi di Hitler nel campo dell’occulto stavano cercando di mettere le mani sull’Arca per primi.
    Serviranno quasi 10 anni per portare quella visione al cinema con l'esordio dell'intrepido archeologo nella pellicola I predatori dell'arca perduta (Raiders of the Lost Ark) e il risultato non deluse le aspettative portando il film a essere il miglior incasso stagionale.

    “Jones! Devo riconoscere che la sai movimentare la vita di una signora!”
    Flashforward al 1992.
    Di film di Indiana Jones al cinema ne sono arrivati altri 2 nel frattempo e anche l'industria videoludica aveva messo gli occhi sul franchise in questo periodo.
    Dopotutto l'assonanza facile, la stessa struttura dei film tra acrobazie, combattimenti, enigmi da risolvere e misteri da scoprire sembrava tale e quale a quella di un videogame e infatti le sortite videoludiche dell'archeologo armato di frusta si erano fatte abbastanza frequenti negli anni, partendo dal lontano esordio Raiders of the Lost Ark su Atari 2600 fino agli ottimi titoli ispirati a Indiana Jones e l'ultima crociata, che reinterpretavano la rincorsa di Indy al Graal in stile action classico o come un avventura grafica.
    E sull'onda lunga del successo di questi titoli arriva infine Indiana Jones and the Fate of Atlantis.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃà  Nome:   2355-indiana-jones-and-the-fate-of-atlantis-dos-screenshot-finding.gifÃÃà Visite: 0ÃÃà Dimensione: 29.1 KBÃÃà ID: 285572Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃà  Nome:   2358-indiana-jones-and-the-fate-of-atlantis-dos-screenshot-no-tickets.gifÃÃà Visite: 0ÃÃà Dimensione: 28.9 KBÃÃà ID: 285574 Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃàNome:   2354-indiana-jones-and-the-fate-of-atlantis-dos-screenshot-title.gifÃàVisite: 5ÃàDimensione: 29.7 KBÃàID: 285571


    Il gioco un'avventura grafica, proprio come il precedente The Last Crusade ma stavolta la trama non ispirata a un film esistente bens narra un’avventura completamente originale.
    Per anni, infatti, questo gioco stato considerato come un vero e proprio 4o capitolo nella saga di Indiana Jones in quanto aveva in s tutti gli elementi cheavevano reso memorabili i 3 film sinor usciti:
    Inanzitutto, l'incipit del gioco, un’introduzione che proprio come nei film lancia Indy direttamente nel cuore dell'azione e della ricerca senza tanti fronzoli o preamboli. Poi Indy appunto, ricreato in tutto il suo carisma e splendore pixelloso e con tutte le caratteristiche che lo hanno reso un personaggio memorabile: lo spirito avventuroso, il fascino dell'eroe, la battuta pronta e la capacit di sdrammatizzare anche di fronte ai nemici e al pericolo, il fascino per il mistero e il tutto senza disdegnare di menare le mani se serve tenere a bada un nazista. Altro elemento al riguardo appunto la cornice storica, con il nostro archeologo impegnato a risolvere un antico mistero prima che lo faccia il Reich potendone cos cogliere l'immenso potere. E si, ultimo ma non ultimo il mistero appunto un qualcosa di arcano che d il via alla rocambolesca ricerca del nostro eroe secondo i canoni della saga e culmina sempre con il suo ritrovamento e la soluzione del mistero che lo circonda, fattore rappresentato in questo caso dal continente perduto di Atlantide narrato da Platone nei suoi “dialoghi” che ha attirato l'attenzione dei nazisti per le avanzatissime tecnologie e armi che si dice siano ancora nascoste al suo interno.
    Non mancano altri elementi tipici come la presenza di una bella donna al fianco di Indy, l’amico di sempre Marcus Brody, una mappa che durante i viaggi traccia gli spostamenti aerei del nostro eroe in giro per il mondo e ovviamente l'immancabile musichetta di John Williams che da sempre accompagna i film della saga.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃà  Nome:   2359-indiana-jones-and-the-fate-of-atlantis-dos-screenshot-some-talk.gifÃÃà Visite: 0ÃÃà Dimensione: 31.7 KBÃÃà ID: 285575Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃà  Nome:   2362-indiana-jones-and-the-fate-of-atlantis-dos-screenshot-sophia.gifÃÃà Visite: 0ÃÃà Dimensione: 27.0 KBÃÃà ID: 285576Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃà  Nome:   2357-indiana-jones-and-the-fate-of-atlantis-dos-screenshot-indy-s.gifÃÃà Visite: 0ÃÃà Dimensione: 28.3 KBÃÃà ID: 285577


    “Noi non seguiamo mappe di tesori nascosti e la X non indica, mai, il punto dove scavare.”
    La trama come detto perfettamente in linea con i canoni della saga con il buon Indy che si trova suo malgrado coinvolto nella corsa verso la soluzione di un antico mistero, la cui sola esistenza potrebbe cambiare il destino del pianeta.
    Come suggerisce il titolo, il cuore della vicenda il continente perduto di Atlantide: secondo il mito, narrato per la prima volta da Platone nel IV secolo a.C. nei dialoghi Timeo e Crizia, Atlantide era un'isola leggendaria abitata da una civilt ricchissima e tecnologicamente avanzatissima e dalla potenza militare straordinaria, in grado di arrivare a colonizzare gran parte dell'Europa e del nord Africa all'apice della sua espansione, prima di sparire inghiottita dal mare a causa di un cataclisma che in un singolo giorno ne provoc l’inabissamento e la scomparsa dalla storia.
    Nei secoli, archeologi, storici, filosofi e studiosi di ogni genere si sono confrontati con la leggenda del continente perduto, senza mai trovare prove che ne abbiano dimostrato l’effettiva esistenza...
    Ma in Fate of Atlantis sar proprio il ritrovamento di alcuni manufatti realizzati in Orichalum, mitico metallo descritto da Platone e presente solo sull’isola, a gettare nuova luce sul mistero e soprattutto a attirare l’attenzione della Germania nazista, interessata a mettere le mani su Atlantide e sui suoi antichi tesori; inizier cos la caccia di Indy alla leggendaria isola e all’unico reperto che possa permetterne il ritrovamento: Il dialogo perduto di Platone.
    La trama lineare ma scorrevole e ben strutturata, con il giusto mix di colpi di scena, scene di azione e dialoghi brillanti, nessun buco di sceneggiatura e anche un ottimo background realistico, con tutti i riferimenti agli studi e teorie reali fatti nel corso degli anni sulla reale esistenza di Atlantide e sulla sua reale ubicazione nel mondo, cosi come sulle descrizioni fatte secoli fa da Platone; anche l’elemento "fanta-storico" come la presenza dell’immaginario dialogo perduto ben amalgamato con il resto della storia e rende il confine tra realt e narrazione ottimamente amalgamato e godibile.
    La caratterizzazione di Indiana Jones ottima e perfettamente in linea con i canoni della saga in quanto questi mantiene perfettamente intatto tutto il suo carisma visto nelle pellicole, con il suo essere coraggioso e determinato di fronte a qualsiasi pericolo non sia un serpente, ma anche la sua consueta dose di battute di spirito e la sua capacit di sdrammatizzare anche di fronte alle situazioni di maggior tensione.

    Come da tradizione ovviamente lui non sar il solo interessato alla ricerca in quanto fin da subito faremo la conoscenza del poco amichevole Klaus Kerner, colonnello delle SS ossessionato dal mito di Atlantide e dalle ricchezze e dal potere che la sua scoperta potrebbero procurare al Reich e soprattutto a se stesso; la presenza dei nazisti un altro elemento di collegamento con i film della saga e nel gioco integrato alla perfezione: la loro minaccia costante, un passo dietro o un passo davanti a Indy e la loro continua presenza rende sempre palpabile la sensazione di una corsa contro il tempo e contro di loro per arrivare per primi alla soluzione del mistero.
    Ultima ma non ultima la figura femminile che non pu mai mancare in una storia di Indiana Jones: in questo caso la bella e misteriosa Sophia Hapgood, una ex collega del nostro eroe diventata poi medum e che sostiene di essere in contatto con le antiche divinit Atlatide; oltre essere fondamentale per la trama la sua presenza ovviamente dar luogo a tutta una serie di siparietti comici come da tradizione nella saga.
    Nelle circa 8 ore richieste per arrivare ai titoli di coda questa caccia al tesoro porter il nostro archeologo attraverso un gran numero di ambientazioni e situazioni in linea con lo stile della saga, da esplorazioni di luoghi pi o meno remoti a scazzottate con i nemici, spaziando da una Montecarlo in notturna a una cavalcata con i cammelli nel deserto dell’Algeria, fino all’isola di Creta e i suoi ruderi micenei; tutto questo ovviamente condito da tracce di umorismo sagace e battute in puro stile Indy. Alla fine, complice la trama accattivante e ben narrata la sensazione sar quella di essersi goduti un’ottima avventura di Indiana Jones oltretutto estremamente interattiva

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃà  Nome:   2363-indiana-jones-and-the-fate-of-atlantis-dos-screenshot-exploring.gifÃÃà Visite: 0ÃÃà Dimensione: 20.8 KBÃÃà ID: 285578Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃà  Nome:   2364-indiana-jones-and-the-fate-of-atlantis-dos-screenshot-arriving.gifÃÃà Visite: 0ÃÃà Dimensione: 27.3 KBÃÃà ID: 285579Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃà  Nome:   851056-indiana-jones-and-the-fate-of-atlantis-dos-screenshot-the.gifÃÃà Visite: 0ÃÃà Dimensione: 31.5 KBÃÃà ID: 285580



    “ il destino dell'archeologo quello di vedere frustrati anni e anni di lavoro e di ricerche”
    A livello di Gameplay il gioco una classica avventura grafica bidimensionale: usando il mouse possibile muovere Indy per gli scenari di gioco, farlo interagire con gli oggetti o i PNG e selezionare le linee di dialogo durante le conversazioni.
    Oltre a questo, per il gioco si concede anche alcune piccole variazioni nello stile di gioco offrendo sezioni pi di azione che vanno da scazzottate contro i nemici, inseguimenti in auto e persino voli in mongolfiera; nulla che stravolga il gioco pi di tanto, in fondo sempre un punta e clicca, ma rappresentano comunque piacevoli variazioni.
    La vera chicca offerta dal gioco per offerta dalla possibilit data a un certo punto del gioco, di quale strada scegliere per arrivare ad Atlantide, o meglio quale “stile” seguire per il proseguo della nostra avventura.
    Se le colonne portanti dei film di Indiana Jones sono infatti la risoluzione di misteri, l’azione pura e i siparietti con la damigella di turno, il gioco dopo una prima parte ben bilanciata esalta questi 3 punti cardine permettendo di vivere da qui al capitolo finale (Dove le 3 strade si riuniscono), ben 3 avventure distinte.
    Abbiamo quindi l’approccio votato all’azione, dove un gran numero di nazisti verr a ostacolare il nostro cammino e dovremmo far lavorare molto i nostri pugni, l’approccio dedito alla logica con meno nemici ma molti pi enigmi da affrontare, e infine l’approccio di coppia con Sophia al nostro fianco per tutta l’avventura e dove la cooperazione con lei sar fondamentale per proseguire nel viaggio.
    Qualunque sia l’approccio scelto i luoghi che visiteremo saranno in realt i medesimi, ma le situazioni che ci troveremo ad affrontare saranno estremamente diverse tra loro andando cos a compensare il senso di “gi visto” alla seconda e alla terza run del gioco.
    Indipendentemente dal gioco le 3 strade si riuniranno una volta raggiunta Atlantide, per quanto sul endgame saranno nuovamente possibili 3 finali diversi a seconda di un paio di scelte decisive fatte in quest’ultimo capitolo.
    Oltre a questo, sono inoltre possibili un gran numero di Game Over a seconda di quale sia l’errore che ha portato il povero Indy alla sua morte, cosa che ci porter davanti ai nostri occhi una schermata dove, spesso con molta ironia, un simpatico messaggio commenta la morte di Indy in base a quale sia stata la causa che la ha provocata.
    Quale che sia l’approccio scelto, nel complesso gli enigmi del gioco sono ben pensati e coerenti, ostici al punto giusto senza comunque mai costringere il giocatore a dover andar per tentativi.


    “C' qualcuno che parla la mia lingua? O almeno il greco antico?”
    Da un punto di vista tecnico il gioco pura e sublime bellezza pixellosa; gli ambienti e i luoghi che andremo a visitare sono infatti una gioia per gli occhi, ricchi di dettagli e di profondit, che siano una foresta, una polverosa cittadina desertica o uno scavo archeologico.
    Che siano piante, glifi su una rovina o elementi su una bancarella, tutti gli elementi rappresentati sono curati e dettagliatissimi andando proprio a dare la sensazione che i personaggi si muovano in ambienti vivi, reali.
    Stessa cura per i dettagli anche negli sprite dei personaggi e nelle loro animazioni, a partire proprio da Indy, che con il suo gesticolare, sistemarsi il cappello, e altri piccoli gesti, stato reso estremamente espressivo pur con tutti i limiti della sua rappresentazione pixellosa.
    Lato audio nuovamente non si pu che fare un plauso al lavoro svolto; oltre all’iconico brano di John Williams sono infatti presenti vari motivetti ben caratterizzati e sempre appropriati alla situazione a schermo o all’ambientazione in cui si trova Indy: da sonorit cariche di tensione nelle scene con i nazisti a sonorit pi mediorientali nei deserti algerini fino alle sonorit tribali della giungla.
    Nonostante i limiti del MIDI ciascuno dei pezi risulta essere estremamente espressivo e ricco di sonorit andando quindi ulteriormente a dare un tagli ancor pi cinematogrfico all’intera avventura

    COMMENTO FINALE


    “Dovrebbe stare in un museo!“
    Concludendo cosa possiamo dire di questo Indiana Jones oggi, a 20 anni dalla sua uscita?
    Prendendo non ironicamente come metafora proprio l’archeologia potremmo dire che Fate of Atlantis come un vecchio reperto; degno rappresentante, come stile e struttura, del suo genere e della sua epoca, estremamente affascinante da riscoprire e da valorizzare anche al giorno d’oggi.
    Vera pietra miliare nel campo delle Avventure Grafiche il gioco sfrutta appieno il carisma del protagonista e il fascino del suo universo narrativo offrendo una storia intrigante e degna di un film, inserita in un’avventura piacevole e estremamente rigiocabile, per cui non me ne voglia il buon Professor Jones ma per stravolgere un po’ le sue parole questo gioco non dovrebbe stare in un museo ma nelle librerie videoludiche di tutti gli appassionati.


      L'invio di commenti disabilitato per i non registrati.

    ULTIMI ARTICOLI

    Comprimi

    • Indiana Jones and the Fate of Atlantis
      “L'archeologia si dedica alla ricerca dei fatti. Non della verit.”
      Correva l'anno 1981 quando un nuovo eroe iniziava a calcare i cinema di tutto il mondo: l'archeologo avventuriero pi famoso del pianeta, il professore Henry Jones, Jr., meglio...
      10-07-2022, 19:26

    ULTIMI COMMENTI

    Comprimi

    • maxtex74
      Risposta a Project Genesis: nuovo action-platform-adventure in sviluppo per Mega Drive mostrato in un WIP video
      da maxtex74
      Di Ieri ultimo aggiornamento dove ci spiega il grosso ritardo dell'uscita dal Kickstarter ,causa covid e molti problemi di programmazione , ambizioso progetto ma non hanno fatto i conti con i limiti del Megadrive e bug che vengono fuori pian piano che...
      18-11-2022, 10:20
    • Sunstoppable
      Nostalgia dei platform 3D a 32bit? C' Lunistice
      da Sunstoppable
      Per chi ricorda con nostalgica lacrimuccia i giorni passati a giocare a Croc, Gex e soci e mondi 3D fatti di pixel grossi come mattoni, arriva Lunistice, un platform 3D creato pensando ad un gameplay semplice, old style, ma divertente (si spera), ispirato...
      10-11-2022, 18:27
    • Sunstoppable
      PS4/Switch: disponibile Warhammer 40,000: Shootas, Blood & Teef
      da Sunstoppable
      ININ Games, in collaborazione con Rogueside e su licenza di Games Workshop, lieta di annunciare che la versione digitale e la versione fisica standard in scatola dell'entusiasmante platform run & gun Warhammer 40,000: Shootas, Blood & Teef...
      20-10-2022, 19:28
    • cekvim
      Risposta a RHMagazine N8
      da cekvim
      Scusate ma c' un errore grossolano sull'articolo della rivista. Bioshock per Ps3 non gira a 1080p 60fps, ma bens in 720p 30fps. Sono differenze molto importanti, anche perch la console Sony non in grado di poter gestire quel tipo di ambiente, con...
      13-10-2022, 18:12
    Sto operando...
    X