Benvenuto!

RH il posto ideale per ogni retrogiocatore che si rispetti. Se vuoi farne parte e poter commentare gli articoli o partecipare alle discussioni del forum, registrati.

Registrati

Masters of the Universe The Power of He-Man

Masters of the Universe The Power of He-Man

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Masters of the Universe The Power of He-Man

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÂÃÂÃÂà  Nome:   heman-intellivision.jpgÃÂÃÂÃÂà Visite: 0ÃÂÃÂÃÂà Dimensione: 71.4 KBÃÂÃÂÃÂà ID: 282303 Si racconta di action figure che divennero fumetto che divennero un cartone animato. Masters of the Universe sono uno dei migliori fenomeni cross-mediatici esistenti. 1981 e i suoi eroi culturisti, tra Schwarzenegger e Stallone e il Wrestling baraccone aggiungendoci un pizzico di avventure Fantasy Techno Medievale e He-Man e il suo Universo non hanno faticato ad affascinare i giovani dell’epoca. Essendo un fenomeno che attraversava varie forme artistiche, Mattel non si fece pregare nel portare anche nel magico Intellivision (e Atari VCS ma ne parler in disparte) lo scontro tra il nostro eroe dal casco biondo (no, non sto parlando di Nino D’Angelo) e il malvagio Skeletor cio l’unico scheletro agli steroidi.

    “Per il potere di Grayskull!!” e He-Man ci racconta la sua storia e poi ci da una pigna in faccia, ma quella scena e la sigla sono rimasti, e ne sono sicuro, nella testa di tutti i ragazzini oggi adulti. E il gioco si apre proprio con quella canzone, riprodotta con cura. Quindi il feeling c’. Ma come avranno pensato in Mattel di riprodurre le gesta del nostro biondo e nerboruto eroe? Semplice dividendolo sostanzialmente in due giochi, probabilmente per dare variet, come accadeva per molti titoli dell’epoca. La prima scena si svolge a bordo del celebre Wind Rider, in uno sparatutto che ricorda molto Defender, dove He-Man segue Skeletor per catturarlo mentre cerca di difendersi da alcune palle di fuoco rotanti, non dimenticandosi di dare un occhio al carburante che finisce. Divertente il giusto. Il secondo schema, invece, ci vede nel tentativo di avvicinarci a Skeletor, intento a conquistare Grayskull, e a schivare i suoi attacchi fino al, ahinoi, combattimento corpo a corpo automatico. E cos a ripetizione e a difficolt crescente. Ripetitivo come tantissimi giochi di inizio anni 80. Ma sarebbe facile criticarlo ora, all’epoca bastava e avanzava per far s che un bambino potesse essere per un paio di minuti He-Man.

    Quello che sorprendeva del titolo Mattel era la parte tecnica, con la gi accennata riproduzione del tema originale del cartone animato e soprattutto la parte grafica e il NEW SuperGraphics schiaffato sulla confezione era l a ricordare l’utente pi sbadato. Probabilmente fu l’unico gioco ad avere questa dicitura, sta di fatto che i movimenti dei personaggi, uniti alla velocit con la quale si muovevano, i numerosi oggetti a schermo e la quantit dei colori usata faceva proprio gridare alla super grafica. Dovete sapere che la dicitura SuperGraphic nacque perch uno dei programmatori, Ray Kaestner (famoso per aver convertito BurgerTime e creato il seguito Diner, nato dal prototipo del mai pubblicato seguito di Master of the Universe), prese il posto di un altro programmatore che non stava ultimando il gioco e partendo da zero, e a sole quattro settimane dal rilascio del gioco fissato per le festivit natalizie, us delle avanzate routine sviluppate indipendentemente per ultimare il progetto. Questa particolare scelta tecnica ebbe come risultato che gli oggetti sullo schermo si animassero in modo pi fluido e veloce rispetto ai giochi Intellivision standard. Il marketing fece il resto, coniando la dicitura e sponsorizzandola nelle fiere anche per altri giochi, solo per sottolineare una bella grafica.


    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÂàNome:   Masters of the Universe  The Power of He-Man (Intellivision)2.jpgÃÂàVisite: 0ÃÂàDimensione: 25.5 KBÃÂàID: 282305Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÂàNome:   46318.jpg.pngÃÂàVisite: 0ÃÂàDimensione: 17.9 KBÃÂàID: 282306Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÂàNome:   Masters of the Universe  The Power of He-Man (Intellivision).jpg.pngÃÂàVisite: 0ÃÂàDimensione: 11.2 KBÃÂàID: 282307


    Altre versioni e curiosit

    Di Masters of the Universe: The Power of He-Man arriv anche l’immancabile versione Atari VCS, fatta un po’ alla bene e meglio. Volendo essere pi precisi, questa versione sorprende per alcune aggiunte come nella intro nella quale Adam, a ritmo di musica, diventa He-Man e anche la sequenza finale dopo aver combattuto con Skeletor si vede il nostro eroe alzare la spada in cielo. Il resto una versione pi povera tecnicamente di quella Intellivision. Era in progetto anche una conversione per Colecovision che non venne mai pubblicata a causa della chiusura di Mattel Electronics.

    Come accadeva per le prime versione delle action figure, anche in Masters of the Universe: The Power of He-Man, veniva regalato un piccolo fumetto che raccontava le gesta del nostro eroe biondo. Roba da collezionisti.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÂÃÂÃÂà  Nome:   univ-002-back.jpgÃÂÃÂÃÂà Visite: 0ÃÂÃÂÃÂà Dimensione: 54.9 KBÃÂÃÂÃÂà ID: 282304 Come molti di voi sapranno, ad inizio anni 80 le software house non erano intenzionate a pubblicare i nomi dei propri programmatori e tra le varie cause c’era anche la paura che essi potessero essere ingaggiati dalla concorrenza. Pensate che un gruppo di programmatori Mattel erano stati soprannominati “The Blue Sky Rangers" proprio per custodire le loro identit. Questo port ad una battaglia nell’industria elettronica che fu appoggiata dalla mitica rivista Electronic Games che nel numero di giugno 1983 pubblic un editoriale molto sentito sul diritto, per un programmatore, di firmare la propria opera. L’editoriale fu girato da Gabriel Baum, manager Mattel nonch membro dei menzionati “The Blue Sky Rangers”, ai piani alti sostenendo che un programmatore che pu firmare il suo gioco un programmatore felice e soddisfatto, sicuramente pi facile da trattenere nella propria azienda. Fu cos che in Mattel si decise per la prima volta forse nell’industria di apporre i nomi dei programmatori sui propri giochi e Masters of the Universe: The Power of He-Man fu il primo.




    COMMENTO FINALE


    "Qui si racconta del 1983 e di Intellivision, di He-Man e di un’epoca che non c’ pi, un salto quantico non indifferente nel passato, quindi bisogna volare con la fantasia quando ci si approccia a Masters of the Universe: The Power of He-Man che rivive discretamente in un tie-in tra uno sparatutto alla Defender a una specie di semplificazione di Robotron. Grafica di altissimo livello per l’epoca su Intellivision. Non spicca per chiss quali qualit ludiche, ma neanche il contrario. Sta di fatto che la canzoncina della sigla c’, He-Man c’ e anche Skeletor che se la d a gambe c’ e sono miracolosamente riconoscibili. Un bel modo per rivivere su pixel le gesta dei nostri eroi. Giocateci per nostalgia.



    • rikfer
      #1
      rikfer ha commentato
      Modifica di un commento
      Ah He-Man quanto ho adorato il cartone da piccolo...bei tempi

    • tony73
      #2
      tony73 ha commentato
      Modifica di un commento
      Mi ha sempre fatto abbastanza schifo e continua farmelo tutt'oggi… de gustibus.

    • Ikaris
      #3
      Ikaris ha commentato
      Modifica di un commento
      La giocabilit non sar stellare ma la grafica, per fluidit e stile, tuttora piacevole e al tempo doveva essere sorprendente. La magia del cartone animato in qualche modo era stata preservata, e Ray Kaestner dimostr anche in questo caso di essere un genio.
    L'invio di commenti disabilitato per i non registrati.

ULTIMI ARTICOLI

Comprimi

  • Ultracore
    Nell'anno dimenticato e nebbioso del 1994, un gioco chiamato Hardcore (sviluppato da Digital Illusions, ora meglio noto come DICE) fu presentato in anteprima nelle riviste di dell’epoca per MegaDrive, Mega CD e Amiga. Sotto l’ala di Psygnosis...
    06-08-2020, 12:58
  • Darius Cozmic Collection: Arcade e Console
    Dovete sapere che gli Shoot’em up mi odiano. E anche le mie mani odiano loro. Il genere sempre stato affascinante ai miei occhi, ma ci siamo sempre tenuti a distanza di sicurezza. Eppure, mi sono avvicinato alla Collection dedicata a Darius con...
    14-07-2020, 17:45
  • Final Fantasy 7 Remake
    Quando fu annunciato il remake di Final Fantasy 7 il mondo dei videogiocatori appassionati della saga si divise in due: chi non vedeva l’ora di riassaporare le gesta di Cloud e soci con grafica ultra-pompata e chi invece si sent quasi offeso...
    24-06-2020, 14:55
  • City Hunter
    Dovete sapere che chi vi scrive un grande fan di City Hunter in tutte le sue forme: manga e anime. E non sono il solo. L’opera di Tsukasa Hojo ha appassionato milioni di persone in Giappone e in occidente tra gli anni 80 e 90 (pensate che in...
    07-05-2020, 00:04
  • Splatterhouse 3
    Malgrado ad alcuni giocatori non dica nulla, la saga di Splatterhouse entrata di prepotenza nel mio immaginario e probabilmente, nell'immaginario collettivo di molti bambini/ragazzi cresciuti a pane e videogiochi fra la fine degli anni '80 e l'inizio...
    21-05-2020, 09:52
  • Masters of the Universe The Power of He-Man
    Si racconta di action figure che divennero fumetto che divennero un cartone animato. Masters of the Universe sono uno dei migliori fenomeni cross-mediatici esistenti. 1981 e i suoi eroi culturisti, tra Schwarzenegger e Stallone e il Wrestling baraccone...
    16-04-2020, 00:14
  • D.D. Crew
    I picchiaduro a scorrimento: Technos li ha lanciati con successo con Double Dragon, Capcom li ha perfezionati con Final Fight e Konami li ha arricchiti con il multiplayer a 4 con il mitico Teenage Mutant Ninja Turtles… e SEGA la ha resi super...
    07-04-2020, 10:58

ULTIMI COMMENTI

Comprimi

Sto operando...
X