Benvenuto!

RH è il posto ideale per ogni retrogiocatore che si rispetti. Se vuoi farne parte e poter commentare gli articoli o partecipare alle discussioni del forum, registrati.

Registrati

Silent-Hill-2-PS2

Silent-Hill-2-PS2

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Silent Hill 2

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   silenthill2cover.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 45.9 KB 
ID: 249851James Sunderland è un uomo distrutto. Lo specchio su cui è riflessa la sua immagine restituisce un volto stanco, sofferente e il perché viene spiegato dalla sua stessa voce, mentre una musica dolce e malinconica ne accompagna le parole: il ricordo della moglie Mary, morta ormai da tre anni, lo ossessiona; ma non è solo questo a devastarlo interiormente: è turbato anche perché ha ricevuto una misteriosa lettera proprio dalla defunta compagna che lo invita a raggiungerla nel loro "posto speciale" nella città di Silent Hill, cui entrambi erano (sono?) legati per avervi trascorso alcuni dei momenti più belli della propria vita. Un incipit surreale ed affascinante che ha nel finale, inaspettato, spiazzante, drammatico e commovente al tempo stesso, l’epilogo migliore possibile, a suggello di una trama da applausi, da standing ovation, letteralmente. Giudicato in un primo momento, mea culpa, un prodotto valido ma non trascendentale, una pallida copia del precedente senza averne il carisma, devo ammettere, dopo più attenta analisi, di essermi sbagliato e di tanto.

    L’errore più grosso è quello di aspettarsi da Silent Hill 2 un titolo che riprenda le tematiche del precedente e inquieti allo stesso modo: sono due prodotti profondamente diversi. Certo, lo stile grafico (ovviamente distante anni luce rispetto al prequel), il sistema di controllo, la meccanica di gioco possono trarre in inganno perché sono i medesimi, e dopo pochi minuti la sensazione di deja vu, che il tutto sia un banale Silent Hill pompato verrà inevitabilmente a galla. Anche perché, a fronte dell'intrigante premessa di cui sopra, l'inizio vero e proprio è da bocciare senza remore. Passano interi minuti senza colpo ferire, nella vana attesa di un accadimento che contribuisca ad accrescere la tensione ed uno svolgimento che la mantenga costante. Si arriva a Silent Hill e nonostante un discreto impatto visivo, ci si rende conto di quanto sia fittizia e statica, con l'impossibilità di esplorare luoghi che non siano quelli previsti dal plot narrativo principale, particolare non di poco conto per un titolo in cui buona parte del tempo viene impiegato in peregrinazioni tra una location e l'altra. C'è l'incontro col primo mostro, momento topico di ogni survival, ma in questo caso il risultato finale fallisce miseramente nel tentativo di spaventare. Compaiono quindi altre creature a popolare la vie della città ma l'effetto ottenuto è il medesimo, con queste ultime che si rivelano una seccatura da superare di slancio, col loro incedere lento e goffo. Si affrontano gli appartamenti, la prima vera mappa in interni, e le texture delle stanze troppo simili tra loro contribuiscono a generare confusione e smarrimento, cui va aggiunto il buio onnipresente come ciliegina su di una torta indigesta. Indubbiamente la prima ora abbondante di gioco è quanto di peggio Konami potesse progettare.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S152-02.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 19.8 KB 
ID: 249852Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S152-05.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 92.8 KB 
ID: 249853Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S152-09.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 24.5 KB 
ID: 249854

    Però bisogna metterla da parte e insistere, cercando di dimenticare un inizio così fallimentare rispetto alla sublime intro giocabile del precedente, e si verrà ampiamente ripagati. La grafica migliorerà, presentando locazioni ottime grazie agli spettacolari effetti di illuminazione e alle texture davvero adatte nel ricreare quel clima di abbandono e degrado tipico di questa saga. I nemici rimarranno deludenti, ma almeno i boss si riveleranno inquietanti sia per il loro aspetto che per le modalità con cui ci troveremo ad affrontarli. E a tenere a galla l'atmosfera ci penseranno anche la realistica nebbia, voluminosa e penetrante, e le musiche, che non si limiteranno a proporre temi orrorifici e nenie ripetute ossessivamente, presentando sempre quel quid di triste ed angosciante che arricchirà ogni situazione di nuovi significati. Purtroppo la città non decollerà, rimanendo una mera cornice dorata, spettatrice passiva del nostro passaggio, e il ritmo discretamente lento (o forse dovrei dire meditato?) non subirà reali impennate, e quindi sarà doveroso adeguarvisi, accettando qualche inevitabile momento di stallo. E poi è fondamentale leggere. Tutte le descrizioni, i diari, gli appunti che si recupereranno durante la ricerca; provare, da subito, dalla primissima partita, la più importante ed emozionante, ad immagazzinare anche quei dettagli apparentemente illogici, decontestualizzati e slegati tra loro.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S152-03.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 35.0 KB 
ID: 249850Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S152-10.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 30.6 KB 
ID: 249848Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S152-04.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 29.7 KB 
ID: 249849

    Tralasciarli sarebbe delittuoso ai fini della comprensione ultima. Perché solo così si vivrà Silent Hill 2 per come è concepito. Inoltre, bisognerà immedesimarsi nel protagonista, nonostante quest'ultimo, con quella sua apparente mancanza di personalità, non faccia nulla per favorire tale simbiosi; per entrarci in sintonia si deve essere nello spirito giusto: questo è un titolo umorale, e giocarci solo per vivere un’esperienza orrorifica, vorrebbe dire snaturarlo, cercare di vederci solamente una piccola parte. La definizione di survival horror, infatti, va stretta, perché oltre al sangue, alla paura, c’è anche dell’altro. C'è il turbamento di James, il suo dramma, e quell'inutile e noioso girovagare altro non è se non un riaffrontare i propri mostri, ben più pericolosi e angoscianti di quelli che popolano le strade della città. Gli stessi personaggi con cui avremo a che fare, per quanto non sempre perfetti (nel caso di Eddie ed Angela si intuisce da subito ciò che tentano maldestramente di celare, rovinandone parzialmente il colpo di scena che li riguarda) saranno dei piccoli gradini verso la verità. Ogni elemento non è messo lì per caso e finendo il gioco più volte (magari aumentando il livello di difficoltà degli scontri e degli enigmi), si capiranno meglio talune situazioni e quei riferimenti non colti subito, inoltre si avrà modo di apprezzare i diversi finali, varianti di quello principale.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S152-08.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 29.5 KB 
ID: 249847Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S152-07.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 27.4 KB 
ID: 249855Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S152-06.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 24.7 KB 
ID: 249856

    Appare evidente quindi che, nonostante la chiara somiglianza col prequel a livello di involucro, questo secondo capitolo nasconda molto di più. Un approccio all'orrore diverso, per un titolo che sarebbe corretto definire bello e basta, senza soffocarlo in una categoria. I bei giochi, così come i bei film e i bei libri, trascendono dal loro genere di appartenenza e così accade con Silent Hill 2. La componente orrorifica è un semplice mezzo funzionale tramite cui gli sviluppatori hanno voluto esprimersi per renderci partecipi della vicenda di un uomo come tanti, non senza personalità quindi ma semplicemente normale, dei meandri della sua psiche in cui dovremo viaggiare, delle barriere da distruggere per poter, alfine, capire. I salti sulla sedia saranno pochi ma alla fine della storia si rimarrà incollati su quella stessa sedia a riflettere, a chiedersi il perché, a metabolizzare quel finale che è un vero e proprio pugno nello stomaco, rimanendo basiti di fronte a quei tanti tasselli che si incastrano a meraviglia, alla perfetta collimazione del tutto e a giustificare quelle stesse scelte che, fino ad un attimo prima della conclusione, sembravano errate senza possibilità di appello, perché poi avranno senso... tutto avrà senso. Soprattutto, nostro malgrado, ci scontreremo con la dura realtà del protagonista, con quella che a ben vedere è una situazione drammaticamente verosimile e tristemente attuale ed è forse questo a sconvolgere maggiormente: non solo la consapevolezza che James Sunderland abbia una parvenza reale ma che possa esserlo davvero. E nelle nostre viscere si insinuerà l'inquietudine che dietro quel nome potrebbe essercene uno qualunque. Persino il nostro.

    N.B. Esiste di Silent Hill 2 una versione sottotitolata “restless dream”: quest’ultima ha una grafica leggermente migliore ma si distingue principalmente per la presenza di una seconda avventura (autoconclusiva) che ci vede nei panni di Maria, uno dei personaggi chiave del gioco (l'alter ego di Mary, la defunta consorte di James), in una mini quest che, pur ante correndo temporalmente l’avventura principale, può essere affrontata tranquillamente dopo, senza pregiudicare in alcun modo nessuna delle due esperienze. Niente di eclatante, intendiamoci ma molto piacevole, con una storia interessante, un valido finale e varie nuove locazioni ben realizzate. Non dura tantissimo, all'incirca un’ora e mezza ma in fondo va bene così.

    COMMENTO FINALE


    "Affrontare Silent Hill 2 equivale a leggere, su di un necrologio, una romantica poesia, o a fare un giro, in un luna park abbandonato, nel tunnel degli orrori insieme alla propria ragazza. Si usa dire che gli estremi si attraggano, di certo nel gioco Konami la parossistica commistione tra amore e morte trova una delle sue più felici, ancorchè tristi, espressioni."





    Giuseppe "Epikall" Di Lauro

    • JoustSonic82
      #1
      JoustSonic82 ha commentato
      Modifica di un commento
      Capolavoro. Non è un semplice survival horror, è molto di più, sono d'accordo con la recensione su questo. Tra l'altro, almeno parlo per me, mette una paura che al confronto Dead space è una passeggiata di salute, credo che sia il gioco più inquietante che abbia mai giocato, non sono tanto gli zombi a fare paura (anche se il boss con la testa di piramide non scherzava in questo senso) no, è l'atmosfera generale, in ogni momento hai la sensazione che possa succedere qualcosa, soprattutto nelle parti al chiuso, giocarlo di sera al buio non è propriamente adatto ai deboli di cuore! La storia non ha nulla da invidiare a quella di un buon romanzo psicologico, e quel finale poi... indimenticabile!

    • Procione
      #2
      Procione ha commentato
      Modifica di un commento
      Una trama dal finale appassionante e situazioni horror memorabili.

      A me è rimasta impressa quella nell'ascensore... vabbè non voglio spoilerare.
      Anche la canzone pricipale del gioco me l'ascolto ancora adesso.

    • musehead
      #3
      musehead ha commentato
      Modifica di un commento
      Il primo incontro con Pyramid Head, che immobile ci fissa da dietro alcune sbarre, è simbolico dell'angoscia che pervade la storia e l'esperienza del giocatore. Consapevolezza del male che c'è, che non ti uccide ma ti logora, come vuoi che sia in un meritato cammino di espiazione.

      Un epico viatico per la serenità. Il miglior survival a cui abbia giocato e il titolo che mi ha coinvolto di più di sempre. Bell'articolo.

    • Big_Paul86
      #4
      Big_Paul86 ha commentato
      Modifica di un commento
      Giocai solo alla demo e mi bastò. Angosciante al punto giusto

    • Amy-Mor
      #5
      Amy-Mor ha commentato
      Modifica di un commento
      Il miglior Silent Hill, dopo il primo però. Il "problema" di questo secondo capitolo è che accadono veramente poche cose. Si è sempre sul filo del rasoio come se, qualcosa, o qualcuno, dovesse venire a prenderci, ma, analizzando bene i fatti, alla fin fine non accade mai nulla di cosi stravolgente. Però è anche questo il suo punto forte, sa tenere col fiato sospeso dall'inizio alla fine, con la sua trama allucinata e onirica. Un gioco di mestiere!

    • maxtex74
      #6
      maxtex74 ha commentato
      Modifica di un commento
      Il primo gioco che presi per PS2 ,versione con doppio DVD da collezzione,ma come gioco non mi prese più di tanto,c'era in effetti un netto milgiramento della grafica ,ma mi sembrava di giocare al remake del 1° in alcuni frangenti,comunque rimane il capitolo migliore uscito su PS2.
    L'invio di commenti è disabilitato per i non registrati.

ULTIMI ARTICOLI

Comprimi

  • Ultracore
    Nell'anno dimenticato e nebbioso del 1994, un gioco chiamato Hardcore (sviluppato da Digital Illusions, ora meglio noto come DICE) fu presentato in anteprima nelle riviste di VG dell’epoca per MegaDrive, Mega CD e Amiga. Sotto l’ala di Psygnosis...
    06-08-2020, 12:58
  • Darius Cozmic Collection: Arcade e Console
    Dovete sapere che gli Shoot’em up mi odiano. E anche le mie mani odiano loro. Il genere è sempre stato affascinante ai miei occhi, ma ci siamo sempre tenuti a distanza di sicurezza. Eppure, mi sono avvicinato alla Collection dedicata a Darius con...
    14-07-2020, 17:45
  • Final Fantasy 7 Remake
    Quando fu annunciato il remake di Final Fantasy 7 il mondo dei videogiocatori appassionati della saga si divise in due: chi non vedeva l’ora di riassaporare le gesta di Cloud e soci con grafica ultra-pompata e chi invece si sentì quasi offeso...
    24-06-2020, 14:55
  • City Hunter
    Dovete sapere che chi vi scrive è un grande fan di City Hunter in tutte le sue forme: manga e anime. E non sono il solo. L’opera di Tsukasa Hojo ha appassionato milioni di persone in Giappone e in occidente tra gli anni 80 e 90 (pensate che in...
    07-05-2020, 00:04
  • Splatterhouse 3
    Malgrado ad alcuni giocatori non dica nulla, la saga di Splatterhouse è entrata di prepotenza nel mio immaginario e probabilmente, nell'immaginario collettivo di molti bambini/ragazzi cresciuti a pane e videogiochi fra la fine degli anni '80 e l'inizio...
    21-05-2020, 09:52
  • Masters of the Universe The Power of He-Man
    Si racconta di action figure che divennero fumetto che divennero un cartone animato. Masters of the Universe sono uno dei migliori fenomeni cross-mediatici esistenti. 1981 e i suoi eroi culturisti, tra Schwarzenegger e Stallone e il Wrestling baraccone...
    16-04-2020, 00:14
  • D.D. Crew
    I picchiaduro a scorrimento: Technos li ha lanciati con successo con Double Dragon, Capcom li ha perfezionati con Final Fight e Konami li ha arricchiti con il multiplayer a 4 con il mitico Teenage Mutant Ninja Turtles… e SEGA la ha resi super...
    07-04-2020, 10:58

ULTIMI COMMENTI

Comprimi

Sto operando...
X