Benvenuto!

RH è il posto ideale per ogni retrogiocatore che si rispetti. Se vuoi farne parte e poter commentare gli articoli o partecipare alle discussioni del forum, registrati.

Registrati

The Legend of Dragoon -  Playstation

The Legend of Dragoon - Playstation

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • The Legend of Dragoon

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   the-legend-of-dragoon-psx.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 47.3 KB 
ID: 252187La fine del secolo scorso, per quanto riguarda il genere degli j-rpg, è stata assolutamente dominata da Squaresoft grazie ai suoi Final Fantasy. Ad oggi la situazione non è praticamente cambiata, almeno a giudicare dalle vendite, dato che la serie ruolista in questione continua ad essere, per quanto ultimamente dal valore discutibile, sia il punto di riferimento di ogni appassionato del gioco di ruolo di stampo nipponico sia il metro di paragone per ogni prodotto della concorrenza. Un’altro dato che si è mantenuto nel tempo è che la saga principale di Final Fantasy è sempre stata un’esclusiva per le piattaforme Sony, salvo proprio il 2010, fin da quando quest’ultima decise di entrare nel mondo dei videogiochi. Non paga di tutto il successo ottenuto grazie a Square, alla fine degli anni ’90 Sony scelse di fabbricarsi il proprio j-rpg battendo il più possibile il ferro finché era ancora caldo. Questa mossa va tradotta in un nome: The Legend of Dragoon.

    La trama prende spunto dalla tradizione fantasy dato che avremo a che fare con cavalieri, draghi e così via. Il protagonista è Dart, un ragazzo dall’indole ribelle, il quale parte alla ricerca del cosiddetto Mostro Nero reo di aver ucciso i suoi genitori. Dopo cinque anni il giovane fa ritorno a Seles, suo villaggio natio, che al momento del suo arrivo si presenta sotto assedio a causa di un attacco dell’esercito di Sandora. Finito l’assedio, Dart scopre con amarezza che la sua amica di infanzia, Shana, è stata rapita e imprigionata. Il nostro eroe si rimette quindi in marcia in direzione delle carceri di Hellena, luogo dove la fanciulla a lui cara è custodita. Da qui in poi si svilupperà tutta la serie di eventi che costituirà il canovaccio narrativo alla base della storia. Mettendo un attimo da parte la trama, cominciamo parlando dei personaggi i quali appaiono fin da subito stereotipati: Dart, con il suo carattere scontroso, è chiaramente ispirato ai vari Cloud (Final Fantasy VII) e Squall (Final Fantasy VIII) senza però possedere un’introspezione psicologica di pari livello. Stesso discorso per Shana, una brutta coppia di Aeris o Rinoa. Identica sorte viene riservata al baldanzoso Lavitz, facilmente riconducibile ai classici impulsivi o attaccabrighe quali erano Barret o Zell. Già in Final Fantasy VIII, pubblicato due anni prima in Europa, si avvertiva che lo spessore di un certo tipo di personaggi iniziava a risultare scontato. Nonostante ciò The Legend of Dragoon non fa una grinza presentando “attori” ormai triti e ritriti. Di aiuto non è neppure la trama, scorrevole ma altresì spesso molto infantile e sempliciotta nel portare avanti degli eventi dei quali alle volte non ne si comprende bene la causa.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S1042-08.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 50.2 KB 
ID: 252181Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S1042-06.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 34.7 KB 
ID: 252182Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S1042-09.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 26.1 KB 
ID: 252183

    Passando al gameplay è palese come, anche in questo frangente, l’ombra di Final Fantasy investa tutto. E’ inutile sprecare parole dato che non c’è alcuna novità rispetto ai prodotti Squaresoft di quel periodo: i turni, il sistema d’attacco, l’interazione con i villaggi, i dungeon, i frustranti combattimenti casuali. Ogni elemento delle meccaniche ludiche odora di FF se non fosse per la possibilità, all’interno delle battaglie, di attuare delle combo basate su catene di determinati tasti o di trasformare uno o più personaggi nei famigerati Dragoni della leggenda che danno il nome al gioco. Una volta mutati, i guerrieri in questione saranno per alcuni turni semplicemente più forti sia in attacco che in difesa, fattore fondamentale per trionfare negli scontri con i boss. Per carità, se chiudiamo un occhio, The Legend of Dragoon ha imparato benissimo la lezione di Square e, giocato da un amante del genere, è un titolo godibilissimo. D’altro canto, è indubbio come Sony abbia attuato un bel copia-incolla sfruttando il più possibile la moda dei J-Rpg, tanto in voga al tempo, nel tentativo di irretire più ragazzi possibili (tra cui il sottoscritto). Un punto a favore è sicuramente rappresentato dalla longevità constatando che i quattro dischi di cui si compone questo prodotto ci garantiranno un’esperienza di gioco che si attesta sull’ottantina di ore.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S1042-05.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 48.7 KB 
ID: 252190Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S1042-04.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 32.1 KB 
ID: 252191Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S1042-02.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 33.5 KB 
ID: 252189

    Non rimane che parlare di grafica. Se fossi veramente perfido, direi che pure qui la faccenda non si discosta dall’altra serie che ormai non nomino più. Per intenderci, quella serie contraddistinta da personaggi poligonali che si muovono all’interno di ambienti prerenderizzati. Scherzi a parte, il comparto estetico di The Legend of Dragoon è davvero stupefacente. Ogni dettaglio è curatissimo così come è egregia la diversificazione degli ambienti, assai vari e incantevoli: lo scorrere dell’acqua, le luci, le ombre, la vegetazione, gli scorci, le architetture dalle tinte pastello bilanciate perfettamente tra loro. Gli stessi protagonisti possiedono modelli 3d e animazioni molto al di sopra della media. Ogni cosa è quindi talmente bella alla vista da instaurare nel giocatore un forte entusiasmo iniziale nell’affrontare il gioco. Peccato che poi le lacune legate al gameplay e alla banalità della storia vengono inesorabilmente a galla. Sotto il profilo sonoro abbiamo risultati alterni: sulle musiche niente da dire, ispirate e distribuite ottimamente a seconda dei diversi contesti. Rimane invece l’amaro in bocca per il doppiaggio, per di più in italiano, confinato alla sola pronuncia degli attacchi sferrati durante le battaglie o alle sporadiche battute presenti nei filmati di intermezzo, anch’essi stupendi. Un’occasione buttata letteralmente al vento, anche dal solo punto di vista commerciale: fai un j-rpg col parlato in italiano e non sfrutti la cosa al massimo?


    COMMENTO FINALE


    "The Legend of Dragoon è un discreto Rpg, molto curato graficamente, tosto e longevo nel pieno rispetto della tradizione dei classici del genere. Purtroppo, alla prova dei fatti sa di già visto dalla testa ai piedi oltre a presentare personaggi e trama tutt’altro che affascinanti. E’ consigliato quindi solo a coloro che non si stancheranno mai delle meccaniche storiche di Final Fantasy."


    Paolo "Big_Paul86" Richetti





    Altre immagini:
    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S1042-01.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 53.1 KB 
ID: 252184Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S1042-10.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 35.9 KB 
ID: 252185Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S1042-03.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 43.4 KB 
ID: 252186Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S1042-07.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 29.8 KB 
ID: 252188


      L'invio di commenti è disabilitato per i non registrati.

    ULTIMI ARTICOLI

    Comprimi

    • Ultracore
      Nell'anno dimenticato e nebbioso del 1994, un gioco chiamato Hardcore (sviluppato da Digital Illusions, ora meglio noto come DICE) fu presentato in anteprima nelle riviste di VG dell’epoca per MegaDrive, Mega CD e Amiga. Sotto l’ala di Psygnosis...
      06-08-2020, 12:58
    • Darius Cozmic Collection: Arcade e Console
      Dovete sapere che gli Shoot’em up mi odiano. E anche le mie mani odiano loro. Il genere è sempre stato affascinante ai miei occhi, ma ci siamo sempre tenuti a distanza di sicurezza. Eppure, mi sono avvicinato alla Collection dedicata a Darius con...
      14-07-2020, 17:45
    • Final Fantasy 7 Remake
      Quando fu annunciato il remake di Final Fantasy 7 il mondo dei videogiocatori appassionati della saga si divise in due: chi non vedeva l’ora di riassaporare le gesta di Cloud e soci con grafica ultra-pompata e chi invece si sentì quasi offeso...
      24-06-2020, 14:55
    • City Hunter
      Dovete sapere che chi vi scrive è un grande fan di City Hunter in tutte le sue forme: manga e anime. E non sono il solo. L’opera di Tsukasa Hojo ha appassionato milioni di persone in Giappone e in occidente tra gli anni 80 e 90 (pensate che in...
      07-05-2020, 00:04
    • Splatterhouse 3
      Malgrado ad alcuni giocatori non dica nulla, la saga di Splatterhouse è entrata di prepotenza nel mio immaginario e probabilmente, nell'immaginario collettivo di molti bambini/ragazzi cresciuti a pane e videogiochi fra la fine degli anni '80 e l'inizio...
      21-05-2020, 09:52
    • Masters of the Universe The Power of He-Man
      Si racconta di action figure che divennero fumetto che divennero un cartone animato. Masters of the Universe sono uno dei migliori fenomeni cross-mediatici esistenti. 1981 e i suoi eroi culturisti, tra Schwarzenegger e Stallone e il Wrestling baraccone...
      16-04-2020, 00:14
    • D.D. Crew
      I picchiaduro a scorrimento: Technos li ha lanciati con successo con Double Dragon, Capcom li ha perfezionati con Final Fight e Konami li ha arricchiti con il multiplayer a 4 con il mitico Teenage Mutant Ninja Turtles… e SEGA la ha resi super...
      07-04-2020, 10:58

    ULTIMI COMMENTI

    Comprimi

    Sto operando...
    X