Assenteismo virtuale - Blog - Retrogaming History
Registrati!
Visualizza Feed RSS

Archeoludica

Assenteismo virtuale

Valuta Questa Inserzione



Un nuovo attacco contro i social networks da parte del mondo dell'imprenditoria.


Alcuni analisti del lavoro hanno recentemente coniato un poco lusinghero termine che risponde al nome di "Assenteismo virtuale".


La critica degli anni 80



In cosa consiste questo fenomeno? Chiunque ricorderà la satira dei film di Fantozzi negli anni 80 sull'assenteismo in ufficio, dove alcuni dipendenti, invece di recarsi al lavoro facevano le attività più disparate, oppure nell'ufficio stesso svolgevano attività collaterali, come il bagarinaggio di biglietti da stadio, il panettiere o il finto cieco...

Cambiano i tempi, si evolvono le tecnologie ma, a quanto pare, cambia poco il costume...


L'età moderna


Oramai che c'è il web, con il corpo siamo tutti in ufficio, ma la testa può facilmente "evadere" e vagabondare altrove... guardare siti riguardanti località esotiche fa immaginare già le vacanze, anche se queste nella realtà sono ben lontane.


Il cosiddetto Assenteismo Virtuale è generato, sempre secondo gli analisti del fenomeno, principalmente dai social networks, come MySpace, Twitter o Facebook, anche se è, ovviamente, estensibile a tutto il web.


In particolare le aziende lamentano "ipotetiche" perdite produttive dovute ai voli pindarici del cervello dei propri dipendenti, fisicamente immobili sulla scrivania ma con la mente sulle spiagge dei tropici...
Molti ricorderanno senza dubbio Google Pac-Man, browser game diffuso in occasione del trentennale del titolo Namco, anch'esso attaccato dagli analisti del lavoro per un presunto monte ore "sprecato" a giocare...




Gravissimo sarebbe inoltre il caso in cui un dipendente incauto avesse la sfortuna di contrarre un virus sui PC aziendali o ministeriali dell'ufficio, magari compromettendo svariati gigabyte di dati lavorati!


L'automoderazione


A difesa dei lavoratori va detto che una piccola pausa, seppur virtuale, dopo ore di lavoro fa senza dubbio bene al cervello ed aumenta anzi la produttività. Ovviamente le pause devono essere fatte con moderazione e commisurate al tipo di lavoro svolto, in modo da non pregiudicare o rallentare troppo lo stesso. In buona sostanza venti minuti di assenteismo virtuale dopo la pausa pranzo non fanno male a nessuno ma sei ore su otto dedicate alla navigazione smodata sono senza dubbio controproducenti.


L'altra faccia della medaglia: l'Info Sharing


Oltre alle presunte perdite di produttività le aziende lamentano anche una possibile fuga di informazioni sensibili che potrebbero essere messe incautamente sui social networks. Se ad esempio il signor Mario Rossi lavorasse in un ufficio brevetti e scrivesse su Twitter "oggi è passato uno con l'idea per l'auto ad acqua che si basa sul principio di estrazione degli ioni dall'atomo H2O" (teoria ovviamente inventata), e qualcun'altro rubasse l'idea, il danno sarebbe decisamente grave.



Allo stesso modo anche eventuali commenti contro i propri superiori espressi sul web potrebbero essere captati dagli stessi e generare situazioni spiacevoli...peggio ancora taggare un collega "ufficialmente malato" mentre se la spassa per le vie del centro o in un centro termale, che genererebbe seri problemi.


I provvedimenti aziendali in questi casi estremi potrebbero, sempre secondo gli analisti del lavoro portare addirittura al licenziamento del dipendente, legalmente valido poichè rientrerebbe nella giurisprudenza espressa dai giudici della cassazione in casistiche simili. Il reato che si configurerebbe sarebbe quello di infedeltà all'azienda e mancata collaborazione con la stessa.


Spesso alcuni datori di lavoro, proprio per evitare le spiacevoli conseguenze derivate dall'uso incauto del web, limitano l'accesso allo stesso parzialmente o totalmente. Ovviamente nei casi in cui il web non serva come strumento di lavoro nell'ufficio stesso.


E se Facebook lo usasse l'azienda?



Spesso anche le aziende usano i social network ed in generale il web per raccogliere informazioni sul lavoratore, sia in sede d'assunzione sia durante lo svolgimento del lavoro stesso. La legge però proibisce l'uso di tali strumenti informatici poichè, secondo lo statuto dei lavoratori (articolo 8), la ricerca di informazioni extra lavorative sul candidato o dipendente è illegale e prevede anche alcune sanzioni penali.


La discussione è decisamente interessante, fino a che punto la libertà personale dei dipendenti si può estendere prima di poter causare danni all'azienda? E lo stesso si può dire per l'azienda, quanto questa può esercitare il suo potere censorio senza scadere nella esagerata repressione?



Link a Google Pac-Man

Invia "Assenteismo virtuale" a Google Invia "Assenteismo virtuale" a Digg Invia "Assenteismo virtuale" a del.icio.us Invia "Assenteismo virtuale" a StumbleUpon

Aggiornato il 01-04-2011 alle 18:21 da Super Fabio Bros

Categorie
Non Categorizzato

Commenti

  1. L'avatar di striderhiryu
    La querelle dell'utilizzo di Facebook (ed altri siti social o meno) sul posto di lavoro è interessante, ma pure insidiosa. Dal punto di vista del datore di lavoro, io bloccherei a priori l'accesso del lavoratore a questi siti, anche perchè non attinenti (a meno di casi mooolto particolari) al lavoro. Non bloccherei tutto il web, ma gran parte! Anche perchè il danno di minuti lavorativi in difetto è abbastanza evidente (e del resto si può dedicare parte della pausa pranzo alla navigazione sul web, giusto?)
    D'altro canto sarebbe da censurare anche l'attività di certe aziende, che non si fanno scrupoli nel vagliare un possibile candidato andando a curiosare anche nelle pagine personali online (pagine che, va ricordato, sono pubbliche, certo, ma rappresentano anche squarci della vita personale delle persone, che hanno diritto anche alla propria privacy!)
    I lavoratori non sono tuttavia incolpevoli: è di un paio di anni fa il caso di una infermierina che postava sul suo profilo le foto sue e dei pazienti degenti nell'ospedale dove lavorava, il tutto senza presumibilmente chiedere il permesso degli stessi nè oscurarne il volto! Si disse all'epoca che la persona fu licenziata: personalmente ritengo fosse una punizione eccessiva, tuttavia indubbiamente è stata una pena esemplare! Esemplare perchè da un lato fa riflettere sul fatto che le cavolate che postiamo non restano "chiacchiere da bar", ma rimangono ad imperitura memoria, e che ciò che appariva scontato e lecito prima (come scattare una foto sul luogo di lavoro), può dare adito a mille problemi in seguito, se diventa di pubblico dominio!
    Ad ogni modo, ottima analisi, Fabio, e bell'espressione, questa dell'assenteismo virtuale (che non avevo ancora sentito prima, ma calza a pennello!)
  2. L'avatar di gekido_ken
    [QUOTE]La legge però proibisce l'uso di tali strumenti informatici poichè, secondo lo statuto dei lavoratori (articolo 8), la ricerca di informazioni extra lavorative sul candidato o dipendente è illegale e prevede anche alcune sanzioni penali.
    [/QUOTE]

    Questa legge in realtà è anche piu' estesa, in quanto è vietato anche la strumentalizzazione e per fini personali o per diffusione indiscriminata dei dati relativi ad un individuo giuridico, anche se questi provengono da social network....pena punibile anche con la reclusione oltre che ammenda.
    In pratica è vero che i dati messi su Facebook o altri socialnetwork sono leggibili pubblicamente (fino ad un certo punto perché dipende dall'utente), ne è vietato qualcunque tipo di utilizzo, di esportazione dei dati personali, poiché la legge stabilisce il libero arbitrio della persona giuridica nella scelta di dove depositare i dati di quello che lo riguarda.
    Per la serie "quello che faccio fuori da casa tua guarda pure, ma tienitelo per te".
    E' una legge molto violata questa e allo stesso tempo molto sottovalutata.
    In merito quindi all'argomento l'assenteismo virtuale è un fenomeno esistente ma intoccabile, perché è come se si volesse gestire la fantasie e l'immaginazione della mente umana.
  3. L'avatar di principessa_piopio
    Assenteismo virtuale? Assenteismo mentale con conseguente "incompimento" dei propri doveri? Bhe' ragazzi in questo sono una maestra non in ambito lavorativo, in quanto nel lavoro sono molto seria e mi do sempre da fare.
    L'assenteismo subbentrava sempre quando mi dovevo mettere a studiare, aprivo i libbri e poverini rimanevano li' ignorati completamente da me e dai miei pensieri arrivata poi una certa ora dicevo ok io ho finito .
    Nello studio molte volte l'ho fatto, nel lavoro mai anke perche' nell'unico lavoro che prevede l'uso del pc, il solo sito che posso visitare e' quello della vod.
  4. L'avatar di Dirk The Daring
    Purtroppo il pc rende estremamente semplice trovare certe distrazioni...
    Basta un attimo, dire "Controllo la posta..." oppure "Faccio un salto sul social network" o ancora "Guardo quell'asta su Ebay" e poi... Il piccolo attimo di pausa si trasforma in una enorme distrazione, magari reiterata perchè non si è soddisfatti di cosa si è trovato o letto...
    Lo dico per esperienza visto che ci son cascato parecchie volte