Benvenuto!

RH il posto ideale per ogni retrogiocatore che si rispetti. Se vuoi farne parte e poter commentare gli articoli o partecipare alle discussioni del forum, registrati.

Registrati

ANBERNIC RG351M

ANBERNIC RG351M

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Anbernic rg351m

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃÃÃà  Nome:   20220123_172943.jpgÃÃÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃÃÃà Dimensione: 60.9 KBÃÃÃÃÃÃÃà ID: 285124Ah, le console cinesi...
    Che siano i vecchi “famiclone” o le pi recenti console multiemulatore basati su Linux o Android, la costante di questi prodotti della terra del dragone, oltre a un’interpretazione alquanto libertina di concetti come copyright e diritto d’autore, sempre stata una qualit costruttiva pressoch agghiacciante; prodotti si economici ma scadenti come design e qualit dei materiali, pieni zeppi di rom spesso ripetute e senza alcuna possibilit di modifica o personalizzazione del contenuto.

    Arrivati al giorno d'oggi invece la situazione decisamente cambiata e comprare in rete una console cinese per giocare a titoli retro rappresenta in molti casi una prospettiva decisamente interessante...
    Parliamo ad esempio di Anbernic: questa una gamma di console creata nel 2017 dalla Shenzhen YangLiMing Electronic Technology Co., Ltd, azienda fondata nel 2005 operante nel settore dei dispositivi da retrogaming; specializzati soprattutto in console portatili, i loro prodotti si sono distinti fin dall'inizio per una qualit costruttiva superiore alla media, qualit che oltretutto progressivamente migliorata portando i loro ultimi dispositivi a non sfigurare con i pi blasonati prodotti handheld di casa Sony o Nintendo.

    La serie RG351M rappresenta quindi uno degli ultimi loro prodotti non che una delle migliori scelte per avere una console da emulazione portatile a un prezzo contenuto (attorno ai 100 euro)

    Unboxing e primo impatto
    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃÃÃà  Nome:   20220123_172748.jpgÃÃÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃÃÃà Dimensione: 53.2 KBÃÃÃÃÃÃÃà ID: 285125La console arriva in una confezione minimale, seppur elegante, una piccola scatolina bianca riportante solamente il disegno del prodotto, le specifiche tecniche e la descrizione dei pulsanti.
    All’interno si trovano la console, gi corredata di micro-SD, un cavo Type C per la ricarica, un basilare libretto di istruzioni e una lastra proteggi schermo da applicare.
    Non presente alcun caricabatterie, ma dopotutto va benissimo uno qualsiasi di quelli USB utilizzati per il cellulare.

    Specifiche tecniche:
    PROCESSORE
    Marca RockChip
    Modello RK3326
    Cores 4
    Frequenza 1.5Ghz
    GPU
    Marca Mali
    Modello G31-MP2
    MEMORIA/STORAGE
    RAM 1GB – DDR3L
    Storage SD card fino a 256GB (Per sistema operativo e ROM)
    DISPLAY
    Dimensioni 3.5”
    Tecnologia IPS
    Risoluzione 480x320
    Rapporto 3:2
    INTERFACCE I/O
    USB 2x Type-C
    Audio Jack 3.5mm
    BATTERIA
    Tecnologia Polimeri di Litio
    Capacit 3500mAh
    Durata Circa 7 ore
    DIMENSIONI/PESO
    Dimensioni 15.6 x 7.1 x 1.8 cm
    Peso 160gr
    ALTRE CARATTERISTICHE
    WiFi integrato
    Funzione di vibrazione
    SISTEMA OPERATIVO
    EmuElec (Linux)

    Ok, l’hardware non di ultimissima generazione ma adeguato dato che comunque stiamo parlando di una console low cost.

    Design e costruzione
    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃÃÃà  Nome:   Cattura-1.jpgÃÃÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃÃÃà Dimensione: 63.7 KBÃÃÃÃÃÃÃà ID: 285126Il design della console sobrio e minimale con il display centrale e i tasti disposti attorno in stile PSP.
    Rispetto alla comune plastica spesso di infima qualit tipica delle console cinesi, RG351M ha un case in alluminio di ottima fattura che da una sensazione di prodotto premium sia alla vista ma anche come sensazioni durante il gioco; il peso aggiuntivo dato da questo materiale, inoltre, da un feeling pi piacevole oltre a dare l'idea di maggiore solidit.

    Come tasti presente una configurazione possiamo dire standard: croce direzionale, 4 tasti principali (A B X Y), 4 tasti dorsali L1/R1 e L2/R2, due levette analogiche oltre che gli immancabili Start e Select; nota positiva per le levette analogiche la presenza del tasto di pressione, in grado quindi di fornire anche i bottoni L3 e R3.
    I tasti di gioco sono in plastica dura, di buona qualit, spessi e piacevoli da premere e quindi in grado di garantire un ottimo feeling tattile. Oltre questo sono ottimi anche sia come sensibilit e risposta durante le sessioni di gioco, sia come posizionamento; l’unica eccezione che mi porta un poco a criticare il design sta nei tasti dorsali, innanzitutto per il loro posizionamento orizzontale sulla parte superiore della console (e quindi con L2/R2 difficilmente raggiungibili) inoltre per il fatto che dispongono di una corsa molto corta; data la buona ergonomia del tutto comunque la loro posizione non un fattore che renda il gioco eccessivamente scomodo e con un poca di abitudine alla fine diventer comunque normale usarli senza farci troppo caso.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_160519.jpgÃÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃÃà Dimensione: 66.3 KBÃÃÃÃÃÃà ID: 285127Un’altra piccola critica che mi sento di rivolgere che forse la croce direzionale e i tasti principali sono un po’ troppo sporgenti rispetto ai pulsanti delle portatili a cui siamo abtuati, ma anche in questo caso ulla che crei problemi durante la pressione o a cui non ci si possa abituare.
    Il pulsante di accensione si trova su un lato, ma incassato in profondit cos he sia impossibile premerlo accidentalmente durante le sessioni di gioco; sull'altro lato un trimmer analogico per l'audio, cosa non scontata in queste consoline cinesi dato che spesso sono invece previste combinazioni di tasti per la gestione del volume.
    Ultimo fattore degno di nota la presenza sul retro di due comode zone in gomma che aumentano il grip durante il gioco.

    Il display centrale ha una risoluzione 480 x 320, non molto alta ma comunque adeguata per i giochi che il sistema dovrebbe emulare.
    Le proporzioni sono 3:2 perfette per i giochi GBA ma un po' scomode rispetto alle pi generali proporzioni 4:3 il che significa avere in giochi 4:3 con immagini stirate a occupare tutto lo schermo o in alternativa con colonne nere ai lati per adeguare l'immagine; nonostante questo i giochi conservano ancora un bell’aspetto soprattutto se si sceglie di mantenere le proporzioni originali, dato che le bande nere che si fondono bene con la cornice dello schermo.
    Dette queste considerazioni, qualunque sia il gioco caricato e la risoluzione/proporzioni del relativo emulatore lo schermo luminoso e colorato e facile da vedere nella maggior parte delle condizioni di illuminazione.

    Software
    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_133229.jpgÃÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃÃà Dimensione: 56.3 KBÃÃÃÃÃÃà ID: 285128Assieme alla console viene fornita una scheda microSD, gi partizionata, contenente sia il sistema operativo, sia lo spazio di archiviazione per i giochi: questo significa che la Anbernic gi pronta all'uso cos come viene ricevuta e non sono necessarie ne installazioni ne configurazioni.
    Va detto che la uSD cos come viene ricevuta contiene spesso gi una enorme selezione di giochi per un po’tutte le maggiori piattaforme supportate, ma lo sappiamo, un prodotto cinese e l il diritto d’autore non esiste; noi per facciamo i bravi e utilizziamo rom solo di giochi che gi possediamo legalmente, ok?
    Lo stock firmware che viene precaricato nella console una versione modificata di EmuELEC, una distribuzione Linux dedicata al retrogaming: questa composta da due parti
    • Emulationstation: il frontend, ossia l'interfaccia utente che permette di catalogare i vari sistemi, i relativi giochi, permettendo di navigare tra di essi e avviare il titolo desiderato
    • Retroarch: il backend, in grado di effettuare l'emulazione vera e propria dei vari sistemi
    Le uniche eccezioni in questa accoppiata sono relative ai giochi per Nintendo DS e per PSP dove il frontend va a richiamare gli emulatori dedicati invece che retroarch
    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_133237.jpgÃÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃÃà Dimensione: 56.2 KBÃÃÃÃÃÃà ID: 285129Emulationstation consente inoltre di personalizzare l’estetica dell’interfaccia, andando ad esempio a selezionare il tema di visualizzazione o a scaricare le cover o gli artwork dei giochi presenti; retroarch al contrario consente di andare a personalizzare aspetti relativi all’emulazione e alle performance dei vari sistemi.
    Nota positiva sebbene il firmware sia basato su Linux, per i giochi viene utilizzata una partizione dedicata, di tipo FAT32, il che significa che quindi sempre possibile accedervi e modificarne il contenuto anche con un qualsiasi PC Windows utilizzando un adattatore USB/uSD.

    Esperienza Utente
    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_133302.jpgÃÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃÃà Dimensione: 58.2 KBÃÃÃÃÃÃà ID: 285130Come detto lato firmware la console gi pronta all’uso e non sono necessarie ulteriori operazioni; basta caricare i giochi nella partizione appropriata, inserendoli nella cartella della piattaforma adeguata, per lasciare che EmuELEC al primo avvio vada a individuarli e aggiungerli alla libreria.
    Completato il boot la prima schermata quella della selezione del sistema di gioco: vengono mostrati solo i sistemi per cui abbiamo caricato giochi e, in base al tema selezionato, questi sono elencati con piacevoli artwork, foto o altri stili molto carini; scelta la console la seconda schermata la selezione vera e propria del gioco con i titoli a cui possibile associare una cover, uno screenshot o nuovamente un artwork adeguato, insomma una interfaccia molto gradevole invece che avere una insipida lista di soli nomi. Fatta la scelta ecco che viene automaticamente lanciato retroarch con il core appropriato e ci si ritrova davanti il caricamento del gioco cos come se avessimo acceso la relativa console.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_133410.jpgÃÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃÃà Dimensione: 49.7 KBÃÃÃÃÃÃà ID: 285131Visivamente la resa ottima sia nel 2D che nel 3D ma va ripetuto come di default come detto il sistema tende a utilizzare tutto lo schermo riadattando l’immagine al formato 3:2 indipendentemente dalla risoluzione originale, cosa che comunque pu essere cambiata dalle impostazioni di sistema; certo, lo schermo un po piccolo e questo in alcuni giochi nati per onsole fissa pu portare a rendere un poco pi difficoltoso legere cosa scritto a schermo, ma comunque nulla che renda impossibile godersi i dialoghi di un GDR qualsiasi.
    Giocare con Anbernic piacevole come impugnatura, ergonomia, e anche resa dell’emulazione (nella maggior parte dei casi come vedremo tra poco); sono gestite nativamente tutte le possibilit di salvataggio offerte dai sistemi originali, che sia nella memoria di una cartuccia o in una memory card, per quanto la presenza di retroarch permetta anche di “barare” e di sfruttare i savestate.
    Cosa non da poco prevista una funzione di stand by per cui basta premere il power button per mettere in pausa il sistema e la partita cos da riprenderlo comodamente pi tardi.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_133457.jpgÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃà Dimensione: 66.1 KBÃÃÃÃÃà ID: 285132Tramite adeguati combinazioni di tasti poi altrettanto semplice chiudere il gioco, tornare alla schermata iniziale cos da lanciarne un altro
    Sono poi presenti varie impostazioni per customizzare la propria interfaccia, tra temi e stili di visualizzazione delle singole librerie di giochi, oltre che alla comoda facolt di aggiungere giochi di qualsiasi sistema a una lista di “preferiti” direttamente dall’interfaccia della console.
    Infine, anche se confesso che non ho ancora avuto modo di provarlo la presenza del modulo wi-fi integrato consente tra le altre cose anche il netplay sfruttando proprio questa feature di retroarch.
    Alla fine, ci si dimentica quasi che di star giocando con una console cinese anzi, il feeling proprio quello di un prodotto di qualit.

    Performance ed Emulazione
    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_133618.jpgÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃà Dimensione: 57.3 KBÃÃÃÃÃà ID: 285133Il sistema pu emulare sistemi di gioco fino alla quinta generazione di console.
    Le prestazioni per quanto riguarda i giochi 2D sono pressoch perfette: NES, Game Boy, Game Boy Advance, Neo Geo, Neo Geo Pocket Color, Super NES, Sega Mega Drive, TurboGrafx-16 per citarne solo alcuni sono emulati senza problemi e perfino la prima Playstation viene gestita tranquillamente, con una grafica 3D sempre fluida e un audio stabile
    Altre piattaforme un po’ pi impegnative possono offrire risultati altalenanti, in base al gioco e a quanto questo metta alla prova l'hardware.
    N64, Sony PSP e Sega Dreamcast offrono esperienze che, sebbene possano essere in generale considerate giocabili sono ancora lontanissime da un’emulazione perfetta.
    Variando un po come titoli, quelli in 2D non danno praticamente alcun problema: giocare a uno Street Fighter Alpha 3 MAX su PSP o un Marvel vs. Capcom 2 su Dreamcast ad esempio sono un piacere, fluidi e veloci senza alcun problema.
    Tra i titoli in 3D invece la situazione si complica e si oscilla da giochi dignitosamente giocabili con qualche sporadica presenza di glitch audio/video a altri talmente lenti da essere inutilizzabili
    Va detto che in questo caso il passaggio a un firmware alternativo ha migliorato almeno nella mia esperienza di gioco sensibilmente le performance anche con questi 3 sistemi.
    Spendendo 2 righe anche sull’emulazione DS, questa ben supportata dalla console ma… abbastanza scomoda; le ridotte dimensioni dello schermo, infatti, rendono poco pratica la visualizzazione affiancata (o peggio sovrapposta) dei due display della portatile Nintendo, cosa che rende il giocare ai relativi giochi veramente troppo faticoso
    Relativamente alla batteria la durata media si aggira tra le 6 e le 7 ore

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_133717.jpgÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃà Dimensione: 52.8 KBÃÃÃÃÃà ID: 285134Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_133821.jpgÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃà Dimensione: 70.4 KBÃÃÃÃÃà ID: 285135Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_134059.jpgÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃà Dimensione: 58.0 KBÃÃÃÃÃà ID: 285136Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃÃà  Nome:   20220121_145818.jpgÃÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃÃà Dimensione: 56.3 KBÃÃÃÃÃà ID: 285137

    Custom Firmware
    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃà  Nome:   20220121_15080.jpgÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃà Dimensione: 32.9 KBÃÃÃÃà ID: 285138Il problema principale dello stock firmware che, in realt, la RG351 non tra le piattaforme ufficialmente supportate dal team di sviluppo di EmuELEC…
    In pratica Anbernic ha deciso di utilizzare senza alcun permesso una loro versione modificata di EmuELEC nonostante il team di sviluppo abbia espressamente proibito lo sfruttamento commerciale di questa distribuzione; questo comporta che non sono previsti aggiornamenti ufficiali da parte del team EmuELEC ne sar possibile ottenere il loro supporto. Gli unici eventuali aggiornamenti firmware saranno eventualmente gestiti da Anbernic stessa.
    In definitiva quello che si ha un firmware non totalmente ottimizzato per la console e che difficilmente verr aggiornato nel corso del tempo; certo, per un utente che vuole solo giocare senza troppi problemi questo nella stragrande maggioranza dei casi sar pi che sufficiente, ma per chi vuole trarre il massimo da questa console il consiglio quello di passare a uno dei firmware alternativi esistenti come 351ELEC, ArkOS oppure Batocera.

    Personalmente tra le alternative disponibili ho installato ELEC351e mi sento di consigliarlo; sempre basato su un fork di EmuElec questo maggiormente ottimizzato per la RG351, facilmente aggiornabile, e soprattutto per ogni emulatore sono gi presenti delle configurazioni di default adattate piattaforma per piattaforma, in particolar modo per le impostazioni video
    Come detto in precedenza anche lato emulazione si notano sensibili miglioramenti e, sebbene N64, Sony PSP e Sega Dreamcast rappresentino ancora il limite per questa consolina, le prestazioni sono discretamente migliorate seppure non si sia raggiunta una emulazione perfetta.

    Prezzo
    In rete il prezzo oscilla tra le 120 e le 150 euro, forse leggermente eccessivo date le prestazioni, pur lodandone comunque la qualit costruttiva.
    Per chi volesse spendere un po’ meno comunque suggerisco in alternativa la RG351P, pressoch identica alla RG351M tranne che per la scocca in plastica invece che in alluminio e l’assenza del modulo wi-fi integrato, a fronte di un risparmio attorno ai 25 euro.

    Conclusioni
    Clicca sull'immagine per ingrandirla.ÃÃÃÃà  Nome:   maxresdefault.jpgÃÃÃÃà Visite: 0ÃÃÃÃà Dimensione: 66.2 KBÃÃÃÃà ID: 285139Per chi cerca una console da emulazione relativamente economica, senza per questo sacrificare la qualit costruttiva o le performance la RG351M un’ottima scelta.
    Perfetta per il vasto parco titoli delle vecchie console a cartucce o della PSX, comunque accettabile quando si entra nel campo di N64 o oltre. Comoda e pronta all'uso per chi vuole semplicemente giocare, versatile ed espandibile per chi vuole divertirsi un po’con il firmware e ottenere il massimo da questo gioiellino.
    Certo non la meno costosa tra le proposte per questa fascia di prestazioni ma dal mio punto di vista pu valere la pena investire un qualcosa in pi per una console che abbia anche lo stile e l’appeal di un prodotto pi pregiato.

    Piccola postilla
    La serie RG351 distribuita in 3 versioni, dal medesimo hardware e dalle medesime prestazioni ma con piccole differenze costruttive; oltre alla RG351M presa in esame e alla gi citata RG351P (case in plastica, niente wi-fi integrato e quindi prezzo pi basso) esiste anche la RG351V.
    Nella Anbernic RG351V form factor e disposizione dei tasti richiamano il buon vecchio GameBoy, viene utilizzato un display pi grande (640 * 480) ma presente un solo stick analogico.
    Se siete interessati all’acquisto valutate voi quale delle 3 versioni ritenete pi adeguata ai vostri gusti.
    a cura di Gabriele "For_Great_Justice" Giannini
    L'invio di commenti disabilitato per i non registrati.

ULTIMI ARTICOLI

Comprimi

  • Indiana Jones and the Fate of Atlantis
    “L'archeologia si dedica alla ricerca dei fatti. Non della verit.”
    Correva l'anno 1981 quando un nuovo eroe iniziava a calcare i cinema di tutto il mondo: l'archeologo avventuriero pi famoso del pianeta, il professore Henry Jones, Jr., meglio...
    10-07-2022, 19:26

ULTIMI COMMENTI

Comprimi

  • maxtex74
    Risposta a Project Genesis: nuovo action-platform-adventure in sviluppo per Mega Drive mostrato in un WIP video
    da maxtex74
    Di Ieri ultimo aggiornamento dove ci spiega il grosso ritardo dell'uscita dal Kickstarter ,causa covid e molti problemi di programmazione , ambizioso progetto ma non hanno fatto i conti con i limiti del Megadrive e bug che vengono fuori pian piano che...
    18-11-2022, 10:20
  • Sunstoppable
    Nostalgia dei platform 3D a 32bit? C' Lunistice
    da Sunstoppable
    Per chi ricorda con nostalgica lacrimuccia i giorni passati a giocare a Croc, Gex e soci e mondi 3D fatti di pixel grossi come mattoni, arriva Lunistice, un platform 3D creato pensando ad un gameplay semplice, old style, ma divertente (si spera), ispirato...
    10-11-2022, 18:27
  • Sunstoppable
    PS4/Switch: disponibile Warhammer 40,000: Shootas, Blood & Teef
    da Sunstoppable
    ININ Games, in collaborazione con Rogueside e su licenza di Games Workshop, lieta di annunciare che la versione digitale e la versione fisica standard in scatola dell'entusiasmante platform run & gun Warhammer 40,000: Shootas, Blood & Teef...
    20-10-2022, 19:28
  • cekvim
    Risposta a RHMagazine N8
    da cekvim
    Scusate ma c' un errore grossolano sull'articolo della rivista. Bioshock per Ps3 non gira a 1080p 60fps, ma bens in 720p 30fps. Sono differenze molto importanti, anche perch la console Sony non in grado di poter gestire quel tipo di ambiente, con...
    13-10-2022, 18:12
Sto operando...
X