Cosmic Osmo - Classic Macintosh | Retrogaming History
Registrati!
  • Cosmic Osmo and the Worlds Beyond the Mackerel

    Cosmic Osmo and the Worlds Beyond the Mackerel

    Cosmic Osmo è, senza alcun dubbio, uno dei titoli più originali e bizzarri mai realizzati per il Macintosh classico. Insieme a The Manhole, un precedente gioco da cui trae l’impostazione e le meccaniche di controllo, viene considerato il precursore di Myst, il fortunato caposaldo a carattere prettamente esplorativo dei fratelli Miller, i fondatori della Cyan. Sostanzialmente, si tratta di un gioco d’avventura destinato ai più piccoli, sebbene annoveri tra i suoi fan persone di ogni età, la cui peculiarità principale consiste nel non presentare alcuna trama, scopo, finale, punteggio o inventario che sia. Già da queste prime considerazioni, traspare la natura spiccatamente non convenzionale di Cosmic Osmo. Lungo il corso del gioco, non dobbiamo far altro che esplorare l'universo che ci circonda, completamente liberi dal dover portare a termine missioni ed obiettivi di sorta.

    L'avventura vera e propria, se così può essere definita, inizia nel momento in cui lasciamo la Terra a bordo della nostra astronave, la Osmo Mobile, alla volta dello spazio profondo. Utilizzandone i comandi, pian piano dobbiamo visitare tutti i pianeti che costituiscono uno strampalato sistema solare. Raggiunto un pianeta di nostro interesse, scendiamo sulla sua superfice per esplorarlo da cima a fondo. Ogni mondo di Cosmic Osmo è costituito da un certo numero di ambienti, ciascuno dei quali presenta degli elementi con cui possiamo interagire. Le dimensioni di questi spaziano da dettagli ampi quanto edifici a particolari decisamente microscopici. Manipolando gli elementi di un particolare luogo, man mano attiviamo meccanismi, risolviamo semplici enigmi e scopriamo passaggi e luoghi segreti.



    Un’altra peculiarità che contraddistingue l'universo di Cosmic Cosmo, riguarda il curioso sistema attraverso cui sono state interconnesse le più disparate ambientazioni, spesso e volentieri, capiterà, infatti, di ritrovarci nel medesimo luogo pur avendo seguito dei percorsi completamente differenti. L’interazione con l’ambiente circostante avviene tramite un’interfaccia punta e clicca. A seguito di ogni click sui particolari di un certo luogo, daremo avvio a degli eventi che ne sveleranno i misteri e le peculiarità più recondite.



    Ogni evento sarà introdotto da una serie di animazioni e rispettivi spunti sonori, questi ultimi, in particolare, contribuiranno non poco ad accrescere ulteriormente l'atmosfera che caratterizza una particolare situazione. Oltre ad esplorare l'universo di gioco interagendo con ogni possibile punto d’accesso come porte, scale, ascensori, finestre e teletrasportatori, utilizzeremo anche i punti cardinali della finestra principale per cambiare direzione, avanzare e ritornare sui nostri passi. I luoghi entro cui ci spostiamo, sono rappresentati con delle schermate grafiche piuttosto dettagliate, gli spostamenti sono resi attraverso un riuscito sistema di transizioni e dissolvenze.



    Pur essendo in bianco e nero, il comparto grafico di Cosmic Osmo resta pur sempre accattivante. L'assenza del colore, infatti, è compensata da un’ottima padronanza della retinatura dei pixel, una tecnica che consente di ricreare l'illusione delle sfumature partendo da pochissimi colori a disposizione, in questo caso pochi toni di grigio. La grafica, inoltre, trae un ulteriore giovamento dallo stile cartoon che ne caratterizza le soluzioni estetiche e dall’alta risoluzione. Le animazioni a corredo dei vari eventi che contraddistinguono l’avventura sono ben rese, così come sono di qualità gli spunti musicali, gli effetti sonori ed i commenti digitalizzati che ne accompagnano lo svolgimento.



    Nel 2010, infine, il gioco ha visto anche un rifacimento per i personal computer basati su Windows, come bonus di una raccolta in cui figuravano altri celebri titoli della Cyan: Myst e Riven giusto per citare i più noti. Il bundle è stato reso disponibile via Steam.

    Altre immagini:




    Video Gameplay Cosmic Osmo - Classic Macintosh





    "Purtroppo, l’assenza di una trama e di un qualsiasi finale, relega Cosmic Osmo ad essere più una produzione interattiva a carattere prettamente educativo che una classica avventura punta e clicca. In quest’ottica, pertanto, lo si può ritenere completato solamente dopo averne esplorato tutte le innumerevoli sfaccettature e carpito i segreti più reconditi, sebbene non proponga alcun suggerimento a tal riguardo. Premesso questo, appare fin troppo chiaro che il gioco debba essere considerato come un diversivo dalle abituali attività videoludiche, un piacevole passatempo incentrato su un lungo e stimolante viaggio attraverso il mondo della scienza e della fantasia. A prescindere dall'apprezzamento personale per questo genere di realizzazioni, restano pur sempre innegabili l’originalità dei contenuti e la stravaganza delle sue innumerevoli trovate, colonne portanti, queste, che all’epoca non mancarono di renderlo un titolo particolarmente accattivante per tutti coloro in grado di permettersi un avveniristico sistema equipaggiato di lettore CD-Rom."





    Commenti 3 Commenti
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Lo ricordavo molto vagamente come uno dei rari (o forse l'unico) titoli che si associavano comunemente al Mac in epoca Atari ST / Amiga (almeno dal punto di vista degli AtariSTi e degli Amighisti).

      Una curiosità: non si tratta forse un titolo in monocromia piuttosto che in diversi toni di grigio (sia pur pochi)? Pensavo che i Macintosh di quel periodo utilizzassero la 512x342 monocromatica... un po' il corrispettivo Mac della 640x400 B/W dei contemporanei ST...
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Wow mai visto ne sentito questo gioco. Bella review e da adesso sarà lo scopo della mia vita trovarlo
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Citazione Originariamente Scritto da Robbey Visualizza Messaggio
      Wow mai visto ne sentito questo gioco. Bella review e da adesso sarà lo scopo della mia vita trovarlo
      Addirittura